Site icon Syrus

Come funziona Medium blog?

Medium blog è una piattaforma di “blogging”, seppur sia più corretto definirla una piattaforma di “storytelling”, il cui uso è molto diffuso soprattutto tra i  professionisti e le aziende, che vi ricorrono per l’efficacia e la semplicità comunicativa di cui è caratterizzato. Medium Blog, poi, mostra un buon funzionamento anche a livello di Search Engine Optimization (SEO), seppur non metta a disposizione tutti i giusti strumenti di controllo e ottimizzazione di un Content Management System (CMS). Inoltre, Medium blog ospita anche molti marchi importanti, quali Airbnb o Google, che optano per questa piattaforma, allo scopo di diffondere contenuti di qualità, sia dal punto di vista comunicativo, che culturale.

Pertanto, Medium blog rappresenta uno spazio gratuito di pubblicazione di articoli, in cui il contenuto viene prima di tutto. Quanto viene pubblicato ha la priorità non solo nello scritto, ma anche nella modalità con cui il contenuto viene impaginato, perché l’utente possa godere di un’esperienza di fruizione e di usabilità di livello. Medium blog è nato nel 2012, grazie all’impegno di Evan Williams, che è stato il co-fondatore di Twitter e Blogger, allo scopo di superare il limite di spazio della piattaforma del cinguettio, Twitter appunto. Che al tempo, consentiva di postare tweet di soli 140 caratteri, poi diventati 280. Medium blog annovera differenti figure professionali tra il suo pubblico. In particolare, scrittori, professionisti, blogger, giornalisti e scrittori, che condividono la volontà di fruire e leggere contenuti di livello e qualità.

Medium Blog è gratuito, ma prevede una versione “Premium”, che riserva contenuti dedicati, opzioni aggiuntive e anche articoli audio, pagando 5 dollari al mese o 50 dollari l’anno. Inoltre, gli autori che partecipano al “Partner Program” ricevono un compenso per i loro contenuti, in virtù del prezzo versato per l’acquisizione della membership. Seppur manchino numeri ufficiali nel web, i ben informati affermano che Medium blog conta 85-100 milioni di lettori mensili ed un numero di paganti che oscilla tra i 200000 e i 400000. La caratteristica di Medium Blog sta nella sua capacità di rappresentare una piattaforma di tipo “WYSIWYG” (What You See is What you Get, che significa come mentre si scriva, si possa già osservare il risultato finale, quanto verrà pubblicato), dotato di un sistema di editor di testo semplice e immediato da usare. Medium Blog è compatibile con i differenti contenuti multimediali e consente condivisioni, commenti ed interazioni con i lettori.

Ma come funziona Medium blog? Per prima cosa, sarà necessario aprire un profilo personale. Si tratta di un’operazione semplice, che parte dall’accesso al sito ufficiale di Medium, dove l’utente dovrà cliccare sulla parte alta a destra dello schermo, su un bottone ovale, con la scritta “Get Started”. A questo punto, si aprirà una finestra di login, che consentirà di scegliere tra tre opzioni: accesso con Gmail, con Facebook e con un’altra e-mail. In seguito a questa scelta, che non richiederà l’inserimento di una password, l’utente riceverà una mail, con la quale effettuare una verifica, mediante un click su un link dedicato. Il link, a sua volta, aprirà la pagina del profilo, per il quale l’utente potrà personalizzare le impostazioni.

Dopo la realizzazione del profilo, l’utente sarà pronto per scrivere il suo primo articolo su Medium. Per scrivere il primo articolo su Medium, sarà necessario effettuare il login sull’account, cliccare sulla parte alta a destra dello schermo sul comando “New Story”. A questo punto, si aprirà una schermata bianca, che è il foglio di lavoro, in cui inserire il titolo e 3 Headline tra cui scegliere, rappresentate dal titolo, dal sottotitolo e dell’occhiello. Infine, sarà la volta di scrivere il contenuto, che si potrà personalizzare, grazie alle opzioni messe a disposizione da Medium.

Syrus

Exit mobile version