Site icon Syrus

Come si crea una favicon?

Le favicon sono le piccole icone, che si trovano all’interno delle schede e degli elenchi dei preferiti o segnalibri su browser come Chrome, Mozilla e Safari. Infatti, la parola “favicon” unisce due termini, favorite e icon, in italiano “icona preferita”. Tuttavia, le favicon hanno anche altre denominazioni: icona di collegamento, icona del sito, icona segnalibro, ma significano tutte la stessa cosa. La favicon nasce nel 1999, introdotta nel settore informatico, grazie al lancio di Internet Explorer 5. Proprio nei primi anni, le favicon erano “file di computer chiamati favicon.ico, messe all’interno della cartella radice di un sito web”.La standardizzazione del formato favicon è stata realizzata dal World Wide Web Consortium (W3C) nelle “specifiche HTML 4.01”, diffuse nel dicembre del 1999 e poi nelle “specifiche XHTML 1.0”, diffuse nel gennaio del 2000. Nel 2003, invece, il formato .ico è stato registrato insieme alla Internet Assigned Numbers Authority (IANA), con la tipologia di MIME. Poco dopo, anche Google ha registrato l’introduzione dei siti web nei suoi risultati di ricerca. Inoltre, le favorite icon vengono usate per realizzare i loghi dei siti web, perché rappresentano un modo semplice, ma creativo di dare un tocco in più al proprio brand o alla propria attività. Ma come si crea una favicon?

Per creare una favicon sarà necessario, per prima cosa, scegliere una qualsiasi immagine, assicurandosi che essa sia conforme con il marchio da realizzare, usando gli stessi colori, caratteri tipografici e forme. E, soprattutto, si differenzi dalle altre, senza copiare quelle della concorrenza. Prestashop o un qualsiasi programma open source potrebbe essere un  valido aiuto per creare una favicon. Altrimenti, sarebbe ideale assumere un designer professionista. Ma una favicon non deve contenere né foto né parole, tranne l’acronimo del proprio brand. Dopo aver ottenuto un’immagine, sarà necessario rinominare il file con estensioni .png o .ico, per poi caricare il file nella cartella principale del proprio sito web. Con questo caricamento, il file viene convertito in una favicon, il cui formato apporta molti benefici.

Tuttavia, è disponibile un secondo metodo, ancora più semplice, grazie ai quali l’utente può imparare come creare una favicon. A tal proposito, esiste il generatore di favicon di “Zyro”, che guida alla creazione di una favicon senza dover ricorrere “ai passaggi aggiuntivi di programmazione, conversione e ricerca di un designer, che svolga la parte più divertente del lavoro”. Il primo passo consiste nella scelta di un template preimpostato oppure nel caricare un’immagine personalizzata. Ricorrendo agli strumenti dedicati, è possibile modificare l’immagine o il colore, il layout e il testo del template. Infine, non servirà fare altro che scaricare la favicon come file .png o .ico e pubblicarla sul sito.

Syrus

Exit mobile version