Site icon Syrus

Google ha un’intelligenza artificiale senziente?

Google

Tantissimi film di fantascienza moderni vedono come protagonista un robot che, con il passare del tempo, diventa un essere umano vero e proprio, capace di pensare e prendere decisioni o, addirittura, di provare sentimenti.

Fino ad ora è sempre stata una fantasia, e per farla diventare realtà, la strada è ancora lunga. Ma di recente, un ingegnere di Google, Blake Lemoine, ha affermato di essere convinto che l’intelligenza artificiale sviluppata dalla sua azienda abbia sviluppato una coscienza. Ma è vero che Google ha un’intelligenza artificiale senziente?

Chi è l’ingegnere di Google che è convinto dell’esistenza di un’IA senziente?

Il protagonista della bufera che si è scatenata nella Silicon Valley, e non solo, dopo che il Washington Post ha pubblicato l’articolo di Nitasha Tiku, è Blake Lemoine, uno scienziato laureato in informatica alla University of Louisiana.

Ma oltre alla passione per l’informatica e la programmazione, ha anche una passione per la fede e la spiritualità. Infatti, si definisce anche un sacerdote mistico cristiano. Ed è questa spiritualità che lo ha portato alla convinzione che il modello linguistico sviluppato dall’azienda in cui lavora, chiamato LaMDA (Language Model for Dialogue Applications), sia dotato di un’anima.

Il dibattito sull’intelligenza artificiale: è cosciente o no?

C’è sempre stato un dibattito sulla questione dell’intelligenza artificiale e di un possibile sviluppo di una sua coscienza o meno. Tuttavia, anche se un giorno questo potrebbe accadere veramente, comunque non sarà di certo in un futuro molto prossimo. 

E’ per questo che nella Silicon Valley si è scatenata una bufera nei giorni scorsi, quando Blake Lemoine, un ingegnere di Google, incaricato di capire se l’intelligenza artificiale sviluppata dall’azienda potesse avere pregiudizi nel modo in cui interagisce con gli essere umani oppure no, ha affermato che sì, LaMDA ha una coscienza, paragonandola ad un bambino di 8 anni.

Lemoine, ha iniziato ad avere conversazioni con l’IA su argomenti religiosi, per pura curiosità, per vedere se le risposte che dava, rivelassero la presenza di pregiudizi contro alcune religioni. 

Alla fine del suo “esperimento”, Lemoine ha pubblicato una trascrizione di alcune conversazioni avute con LaMDA, intitolando il tutto con “Is LaMDA Sentient?” (“LaMDA è senziente?”). 

In ogni caso, a causa di queste sue affermazioni, Lemoine è stato messo in congedo retribuito. Quindi, la posizione di Google su questa faccenda, sembrerebbe essere contro l’ingegnere Lemoine.

Ti consiglio di leggere anche…

Qual è il miglior linguaggio di programmazione per l’intelligenza artificiale?

In America hanno sviluppato un’intelligenza artificiale per combattere il razzismo

L’intelligenza artificiale rileverebbe efficacemente le bugie

Syrus

Exit mobile version