Grover: l’intelligenza artificiale che riconosce le fake news

Grover: l’intelligenza artificiale che riconosce le fake news

19/06/2019 0 Di Redazione

Le fake news, i contenuti ingannevoli creati per distorcere la realtà, sono sempre più presenti sul web. Questo perché oggi tutti possono facilmente accedere al grande mondo virtuale, che sia internet o i social media, pubblicando qualsiasi tipo di “notizia” e generando disinformazione. Dagli Stati Uniti, adesso, è arrivata Grover, un’intelligenza artificiale capace di creare e quindi distruggere le fake news. La filosofia che sta alla base di questa invenzione – creata da un team di scienziati dell’università di Washington e dell’istituto Allen – recita: “Per conoscere il tuo nemico, devi diventare il tuo nemico”. Questo è proprio quello che fa questa intelligenza artificiale: per poter eliminare le fake news bisogna prima capire cosa sono e come vengono create.

Il team di scienziati ha scoperto che il modo migliore di individuare le fake news è quello di generarle. Grover, quindi, non è altro che un generatore di fake news capace di creare articoli nel giro di pochissimo tempo. Usare Grover è molto semplice: basta impostare un titolo, un autore, una data ed un contenuto e lui fa tutto il lavoro. Il sistema è in grado di scrivere articoli più credibili di quelli scritti da un essere umano, e ciò rende questo generatore veramente sorprendente.

L’obiettivo principale di questa intelligenza artificiale è quello di rilevare in modo affidabile le fake news, per ridurne la pericolosità. Per fare ciò Grover crea articoli completamente falsi e scopre contenuti simili con un tasso di accuratezza del 92%. Il meccanismo è capace di rilevare anche le fake news create da altre intelligenze artificiali, e questo è possibile perché è in grado di individuare le debolezze che caratterizzano gli attuali sistemi di generazione di testi.

Grover è nato come database di più di 5000 articoli raccolti tra la fine del 2016 e marzo 2019. Studiando il contenuto, la struttura e lo stile di questi articoli Grover è riuscito a capire e ad imparare come vengono scritti ed ha iniziato a crearne di suoi, tramite un sistema avversariale. Una parte del sistema genera un contenuto mentre l’altra verifica quanto possa essere conveniente e se non lo è abbastanza, Grover ci riprova e ricomincia il lavoro.

Grover, dunque, è un generatore di fake news e questo potrebbe suonare come un pericolo, vista la facilità con cui le crea. Se usato male e se messo nelle mani sbagliate questo meccanismo potrebbe creare fake news invece che individuarle ed eliminarle. Ma i ricercatori che lo hanno inventato assicurano che Grover non sarà una semplice applicazione da scaricare e che quindi non sarà disponibile per tutti, ma sarà comunque diffuso, visto che potrebbe essere la soluzione definitiva per eliminare una volta per tutte le fake news. Come tutte le intelligenze artificiali Grover è in continuo stato di evoluzione, ed è possibile vederlo in azione cliccando qui.