Qianshi, il primo computer quantistico a 10 Qubit e come funziona

Qianshi, il primo computer quantistico a 10 Qubit e come funziona

15/09/2022 0 By Rosy Chianese

È arrivato il primo computer quantistico del colosso della tecnologia cinese Baidu, si chiama Qianshi è sarà l’alternativa di Google, che ormai in Cina è stato ufficialmente bloccato. Baidu, noto ai cinesi sia per il suo popolare motore di ricerca che per i vari servizi offerti di software e hardware, si andrà quindi ad aggiungere alle compagnie di Larry Page e Sergey Brin.

Dopo aver prodotto vari servizi, tra cui enciclopedie digitali, navigazione satellitare, intelligenza artificiale o servizi cloud, per Baidu era arrivato il momento di sviluppare il suo primo computer quantistico, traguardo ormai raggiunto da qualche mese.

La differenza principale tra un computer tradizionale ed uno quantistico sta nel fatto che il primo si basa sui transistor, che agiscono da interruttori rappresentando un bit alla volta, mentre il secondo non utilizza i transistor ma si affida a delle particelle subatomiche come, ad esempio, gli elettroni. È grazie a questo particolare meccanico che viene sfruttato lo stato di sovrapposizione quantistica, riuscendo a rappresentare due valori alla volta, misurati attraverso dei bit quantistici, chiamati Qubit.

Quanto è un Qubit?

La potenza di ogni combinazione di Qubit è pari a 2 elevato alla quantità di Qubit in azione. Questo genera un calcolo molto più complesso dai computer, i quali possono effettuare anche calcoli paralleli, grazie alla sovrapposizione quantistica.  Per conoscere il valore probabile di un Qubit vengono utilizzati degli specifici algoritmi che possono elaborare un calcolo probabilistico molto più ampio e complesso.

A cosa serve un computer quantistico

Ma a cosa serve un computer quantistico? Baidu ha come obiettivo quello di far parte alla corsa generale nello sviluppo di macchine quantistiche che vadano oltre ai limiti di quelle prodotte attualmente. L’azienda ha dichiarato, infatti, che Qianshi è il primo computer al mondo che offre anche un’integrazione, sia hardware che software, di tipo quantistico su tutte le piattaforme, specificando che le macchine attualmente in commercio non superano i 7 Qubit.

Questo tipo di macchine svolgono degli scopi che vanno ben oltre alle possibilità dei computer tradizionali, ed è per questo che vengono utilizzate maggiormente nei settori di intelligenza artificiale, finanza o ricerca scientifica.

La risposta delle aziende concorrenti

Le aziende concorrenti alla Baidu non si sono fatte attendere, Fujitsu ha già dichiarato che nel 2023 partirà la vendita di un computer quantistico da 64 Qubit, per arrivare poi a 1000 Qubit nel 2027. Anche Google sta sviluppando attualmente una macchina simile da 53 Qubit, mentre l’anno scorso Ibm ha introdotto sul mercato un computer quantistico da 127 Qubit.

Ti consiglio di leggere anche…

IBM sfida Google nella corsa al computer quantistico più potente del mondo

Il nuovo super computer quantistico cinese Zuchongzhi batte (di brutto) il computer di Google più potente del mondo

La divisione Cloud di Amazon sta lavorando su un super computer quantistico