Site icon Syrus

In che modo Internet inquina e come ridurre l’impronta di carbonio digitale

Internet inquina

Photo by Crew

Anche se le nostre attività su Internet hanno un impatto minore rispetto alle apparecchiature (principalmente la fase di produzione), non vanno dimenticate poiché partecipano allo sviluppo dei data center e della rete.

In che modo Internet inquina?

Oggi, sul web, è lo streaming che inquina di più. Da solo rappresenta il 60% dei flussi di dati su Internet, a causa del peso dei file video.

Il consumo di streaming video emetterebbe quasi l’1% delle emissioni globali di CO2. In concreto, 300 milioni di tonnellate di CO2 sono generate dal consumo globale di streaming video, che rappresenta l’inquinamento digitale di un Paese come la Spagna.

Per quanto riguarda le email invece, ci sono 4 miliardi di caselle di posta elettronica in servizio in tutto il mondo e 281 miliardi di email vengono inviate ogni giorno.

Lato business, l’uso di un sito web è diventato essenziale. I siti di e-commerce sono particolarmente popolari. Di conseguenza, ci sono sempre più siti Web da ospitare e informazioni da trasmettere. Ogni anno vengono generati 47 zettabyte di dati in tutto il mondo. E si prevede che si moltiplicherà per 46 entro il 2035 (Fonte: Digital Hell, Guillaume Pitron). Bisogna quindi agire per andare verso quella che viene definita “sobrietà digitale“.

Come ridurre l’impronta di carbonio digitale?

Ognuno può ridurre individualmente la propria impronta di carbonio digitale attraverso le best practices.

1. Accesso a Internet

In primo luogo, i mezzi per accedere a Internet! Scegli una connessione Wi-Fi anziché 4G o 5G. Guardare un video utilizzando il segnale Wi-Fi consuma 23 volte meno energia rispetto all’utilizzo del 4G.

2. Email

Sbarazzati di tutte le email che non ti servono più: email che hanno diversi anni, pubblicità, spam, cestino…, cancellati dalle newsletter inutili. Vai in fondo alla newsletter e clicca su “cancellami”.

Ricorda inoltre di alleggerire le tue email: alleggerisci la tua firma elettronica rimuovendo tutto ciò che non è essenziale; pensa ai tuoi contenuti, meglio 1 email con tutte le informazioni rispetto a diverse email; preferisci un link per il download per i tuoi allegati pesanti; utilizza uno strumento di trasferimento file per farlo.

3. Streaming

Per i contenuti in streaming, preferisci scaricarli piuttosto che guardarli su piattaforme di visualizzazione. E soprattutto, se possibile, abbassa la qualità. Se 70 milioni di utenti Internet abbassassero la qualità di trasmissione dei video che guardano, 3,5 milioni di tonnellate di CO2 non verrebbero rilasciate nell’atmosfera ogni mese, ovvero l’equivalente del 6% della produzione di carbone degli Stati Uniti!

Prendi l’esempio di Netflix, è possibile abbassare la qualità: vai nelle tue impostazioni e scegli la tua qualità. Puoi approfittarne per bloccare la riproduzione automatica del prossimo episodio. Guadagnerai ore di sonno…

Ti consiglio di leggere anche…

Come impostare la qualità video su Amazon Prime

Come cambiare la password del WiFi facilmente

Il problema dell’inquinamento del cloud sta diventando una cosa seria

Syrus

Exit mobile version