Novità Amazon Prime: puoi pagare i vestiti dopo averli provati

Novità Amazon Prime: puoi pagare i vestiti dopo averli provati

Amazon Prime ha da poco inserito un nuovo servizio dedicato ai suoi abbonati. Si tratta di Prova prima paga poi e, come già si può percepire dalla denominazione, consente di comprare i vestiti e provarli, restituendo quelli che non vanno e pagando soltanto quei capi che si decide di acquistare. La novità Amazon Prime che permette di pagare i vestiti dopo averli provati funziona in modo semplice e intuitivo. Per prima cosa sarà necessario scegliere fino a sei articoli tra abbigliamento, accessori e scarpe, ma facendo attenzione a non ordinare capi della stessa taglia o del medesimo colore. Effettuata la selezione, l’utente opterà per il servizio di consegna, privo dell’aggiunta di costi in più, sfruttando la possibilità del periodo di sette giorni per la prova a casa. Se l’ordine è suddiviso in più pacchi, i sette giorni scattano con la ricezione dell’ultimo articolo. Una volta che l’utente ha fatto la sua scelta, selezionando i capi da tenere e quelli da restituire, dovrà accedere alla pagina “I miei ordini” per contrassegnare gli articoli che vuole tenere e quelli da spedire indietro, effettuando in questo momento il pagamento. Usando, poi, lo stesso pacco e la medesima etichetta di reso prepagata inserita già nell’ordine, si potrà preparare il reso per la restituzione. In alternativa, l’utente potrà scegliere la modalità di reso che maggiormente gli è comoda e, qualora abbia perso l’etichetta, potrà sempre effettuarne una ristampa.

La possibilità di comprare capi di abbigliamento su Amazon, provarli e poi decidere per un’eventuale restituzione era un servizio già fruibile un precedenza. Ma, in questo caso, l’utente doveva effettuare il pagamento al momento stesso dell’ordine e, poi, attendere il rimborso dei soldi, in caso di restituzione. Ora, invece, grazie al servizio di Amazon Prime che consente di provare i capi e poi di effettuare l’acquisto, si evita il pagamento immediato, che verrà differito nel momento in cui si decide quali sono i capi da tenere. Grazie a questa novità, Amazon incoraggia gli utenti alla “prova a casa”, permettendo alle persone di indossare i capi, valutare al meglio le taglie, l’eventuale abbinamento con vestiti che già si hanno, senza dover pagare tutto prima.

Naturalmente, il reso degli articoli deve essere fatto in modo corretto, con i cartellini ancora attaccati ai capi e riposto all’interno della confezione originale, senza dimenticare di inserire le grucce, le buste, le scatole (se si tratta di scarpe o accessori), i “dustbag” e le confezioni regalo. L’articolo non deve essere stato lavato né danneggiato; proprio per questo motivo, sarà necessario controllare se, al momento del primo arrivo a casa, il capo o l’oggetto non era già danneggiato, difettoso o non corrispondente a quello ordinato. In questo caso, il reso va effettuato nell’immediato, seguendo le indicazioni previste.

Se, però, al termine dei sette giorni di prova ci si dimentica di effettuare il checkout o la relativa scelta tra gli articoli da provare e quelli da restituire, l’utente si vedrà addebitati tutti i capi ricevuti. Qualora l’addebito si concretizza nel momento in cui il reso è stato già inviato, l’utente non dovrà fare nient’altro, se non attendere l’automatico rimborso da parte di Amazon, quando riceverà i capi. Tuttavia, l’utente potrà usare anche i 30 giorni classici che già Amazon prevede per la restituzione degli articoli e ricevere un rimborso successivo. Infine, l’opzione “Prova prima paga poi” di Amazon è già previsto nell’iscrizione al programma Amazon Prime, senza l’aggiunta di commissioni nascoste o costi aggiuntivi, con spedizioni e resi sempre gratuiti.