Zortrax lancia il cloud di massima sicurezza per la gestione delle stampanti 3D

Zortrax lancia il cloud di massima sicurezza per la gestione delle stampanti 3D

26/09/2020 0 Di giuliamercurio

L’azienda polacca di soluzioni di stampa 3D Zortrax ha lanciato un servizio basato sul cloud che consente la gestione remota delle sue stampanti 3D da tutto il mondo.

Il sistema di gestione della stampa inCloud di Zortrax mira a ottimizzare il funzionamento dei processi di produzione della stampa 3D sia per le aziende che per gli utenti di singoli dispositivi, riducendo il numero di ore di lavoro necessarie per eseguire il processo di stampa.

Prima di essere disponibile al pubblico oggi, il sistema è stato precedentemente utilizzato dal personale Zortrax per gestire circa 200 stampanti presso la sua sede centrale.

“Ogni giorno nella nostra azienda vengono creati centinaia di progetti, prototipi e stampe di prova diversi. I nostri manager avevano bisogno di un software efficace per far funzionare più dispositivi contemporaneamente”, ha dichiarato Rafał Tomasiak, CEO di Zortrax. “Era importante non solo essere in grado di avviare stampe specifiche a distanza, ma anche di esaminare la storia delle stampe e di controllare lo stato attuale della macchina in questione senza doversi avvicinare ad essa”.

Abbracciare gli strumenti di produttività cloud è qualcosa che molte aziende hanno dovuto fare di più durante la pandemia di Covid-19, e i sistemi basati su cloud sono già operativi da qualche tempo nel tentativo di aiutare i processi di workflow di stampa 3D.

Uno di questi è MakerOS, una piattaforma di collaborazione basata sul web progettata per le aziende di produzione digitale e di stampa 3D e per i loro clienti, che è stata lanciata nel 2015. Da allora, il software è stato utilizzato da imprenditori solitari, PMI e grandi laboratori di innovazione.

Più recentemente, il fornitore russo di servizi di produzione, LOGEEKs DM, ha lanciato una nuova piattaforma cloud dedicata all’analisi della producibilità di un modello 3D per la stampa 3D nel settembre dello scorso anno, e pochi mesi prima di questo, l’OEM di stampanti 3D Ultimaker ha annunciato un miglioramento della piattaforma cloud per il suo flusso di lavoro di stampa 3D Cura.

Il nuovo sistema inCloud permette agli utenti di caricare un modello sulla stampante 3D e scegliere se avviare o mettere in pausa il processo di stampa a distanza. Rivolta principalmente alle aziende che gestiscono grandi aziende di stampa su larga scala, la funzione Multiprint della piattaforma consente di selezionare i dispositivi attualmente disponibili e l’ordine delle stampe di massa, il che significa che tutti i modelli vengono prodotti e finiti allo stesso tempo.

“Il sistema inCloud consente di assegnare i singoli dispositivi a un gruppo selezionato di dipendenti – questo è particolarmente importante nelle grandi aziende in cui una stampante è gestita da più persone”, ha continuato Tomasiak. “La soluzione che abbiamo creato migliora l’intero processo di stampa”. Utilizziamo questo sistema ogni giorno durante la pianificazione del lavoro sui nostri dispositivi. Ora lo mettiamo a disposizione di tutti gli utenti delle stampanti Zortrax”.

Le telecamere sono integrate nelle macchine della Serie M Plus per consentire agli utenti di confermare se i modelli precedentemente stampati sono stati rimossi dalle piattaforme di costruzione e se le macchine sono pronte per essere utilizzate. Si possono anche osservare filmati dal vivo del processo di stampa in corso.

Viene inoltre eliminata la necessità per i dipendenti di far funzionare le macchine sul posto, poiché i modelli pronti per la stampa possono essere caricati direttamente sulla stampante selezionata.

Protezione della privacy

Secondo Zortrax, il suo sistema inCloud è stato progettato per garantire il “massimo livello possibile” di privacy, per facilitare la mente degli utenti i cui progetti possono essere riservati.

“Sappiamo che i modelli e i prototipi creati sulle nostre stampanti sono una preziosa proprietà intellettuale”, ha dichiarato Paweł Gulewicz, responsabile del reparto informatico di Zortrax. “Proteggere la privacy dei nostri utenti è una delle nostre principali priorità. Garantiamo il massimo livello di sicurezza”.

I modelli vengono inviati alla stampante o alle stampanti selezionate attraverso i server di Zortrax, ha spiegato, con tutte le trasmissioni criptate per impedire l’intercettazione da parte di utenti o dispositivi indesiderati. Una volta che il file viene caricato sulla stampante, viene automaticamente cancellato dal server dell’azienda. Zortrax memorizza solo i dati di base, come il materiale utilizzato durante il processo, necessari per fornire agli utenti la cronologia delle loro stampe.

Il sistema di gestione remota è disponibile per gli utenti delle stampanti 3D Zortrax a partire dal  2 settembre, consentendo il trasferimento gratuito dei modelli fino a un totale di 1 GB. Il servizio può essere aggiornato per consentire 3 GB con il Piano Standard, 16 GB con il Piano Professionale e 50 GB con il Piano Impresa, con lo spazio disponibile per il trasferimento rinnovato mensilmente.

Leggi anche quali sono le stampanti 3D più costose in vendita su Amazon, quì.

Leggi anche: