Come verificare su internet il CRO di un bonifico online

Come verificare su internet il CRO di un bonifico online

Con la tecnologia di oggi, ogni volta che bisogna fare un pagamento online, non serve più doversi recare per forza in banca o alle poste. Si possono fare bonifici quando e dove si vuole, in modo semplice e veloce, grazie alle piattaforme di home banking.

Ma quando si tratta di effettuare pagamenti online, è di essenziale importanza poter tracciare il versamento effettuato, ed è qui che entra in gioco il CRO, il “Codice di Riferimento Operazione”. Quindi, vediamo come verificare su internet il CRO di un bonifico bancario nel caso in cui ne avessimo bisogno.

 

CRO: cos’è e a cosa serve

Il codice CRO è un codice univoco costituito da 11 cifre numeriche, o 15 nel caso di Poste Italiane, che permette di identificare la transazione.

Infatti, a versamento effettuato, in genere viene rilasciata sempre una ricevuta che attesti l’avvenuto pagamento, in cui viene inserito questo codice numerico, attraverso il quale è possibile verificare se l’operazione bancaria sia stata effettuata oppure no.

Un bonifico bancario può impiegare un lasso di tempo che va dalle 24 alle 48 ore, prima di arrivare all’istituto bancario del destinatario del pagamento. E nel caso in cui ci fossero dei problemi e dei ritardi nell’accredito, è importante cercare di capire la tipologia di questo problema. Dunque, si capisce ora l’importanza del codice CRO.

 

Come e dove viene indicato il CRO

Per identificare il codice CRO di un bonifico bancario non potrai sbagliarti, poiché viene indicato direttamente nei dettagli relativi alla transazione con la dicitura esplicita Codice CRO.

In alcuni casi, però, il CRO non viene indicato con questa dicitura, ma troverai scritto TRN, che sta per Transaction Reference Number. Questo è un codice di 30 cifre, in cui all’interno viene inserito anche il codice CRO, quello che va dalla sesta alla sedicesima cifra del codice. Non è altro che un’evoluzione del CRO, che viene utilizzato dopo che sono stati introdotti i bonifici SEPA nel 2016, ossia Single Euro Payments Area, per le transazioni bancarie tra istituti bancari che si trovano all’interno della Comunità Europea.

Se, invece, il mittente e il destinatario della transazione sono clienti della stessa banca, invece che il codice CRO, che viene utilizzato per transazioni tra istituti diversi, troverai il codice CRI, che sta per Codice di Riferimento Interno.

 

Verificare il CRO su internet

Home banking

Per verificare il CRO di un bonifico bancario su internet, senza doversi recare di persona in banca e chiedere informazioni, è possibile usufruire dei servizi di home banking, nel caso in cui possiedi un conto corrente bancario che ti da accesso a tale servizio.

Per verificare il CRO tramite home banking, devi accedere alla sezione dei servizi personali e poi andare agli strumenti per la gestione del conto. Ora, ti basta digitare il codice nell’apposito campo, iniziare la procedura di verifica e aspettare la fine della procedura.

 

Verificacro.i

Per verificare il codice CRO su internet, puoi avvalerti anche di altri strumenti online, come il sito Verificacro.it, che però ti consente solo di verificare se il codice CRO sia valido o meno, e non permette di sapere con certezza se il bonifico sia stato realmente effettuato oppure no.

Quindi, collegati alla pagina principale e digita il codice CRO da verificare nell’apposito campo, sotto la voce Inserisci il CRO o TRN del bonifico italiano. Per finire, fai clic sul bottone Verifica. Ora, non dovrai fare altro che aspettare l’esito della verifica.