Dopo circa 1 anno Jack Ma riappare in pubblico

Dopo circa 1 anno Jack Ma riappare in pubblico

Dopo oltre un anno, Jack Ma, il fondatore del colosso dell’e-commerce Alibaba, esce dalla Cina per dirigersi in Spagna, allo scopo di effettuare un viaggio su agricoltura e tecnologia, in relazione alle tematiche ambientali. La notizia di questo viaggio da parte di Jack Ma è stata diffusa dal South China Morning Post, quotidiano di proprietà di Alibaba, ma che scrive in lingue inglese. Secondo le indiscrezioni fornite dal giornale, il magnate sarebbe stato localizzato in Europa dove, da Hong Kong, dopo oltre un anno di sosta, si è recato con la famiglia.

Con questo viaggio al di fuori dei confini “di casa”, sembra essere terminato il momento difficile per Jack Ma. Infatti, nel novembre dello scorso anno era finito nel mirino del Governo di Pechino, prima a causa dello “stop all’Ipo da record in Borsa per la sua Ant da 31,4 miliardi di euro e poi con la maxi multa da 2,3 miliardi per abuso di posizione dominante”. Questo blocco ha significato il primo step dell’operazione di controllo e limitazione che il governo di Pechino ha effettuato nei confronti delle Big Tech, divenute più forti poi con gli interventi contro Didi, Tencent e Meituan. Pertanto, stando a quello che ha riferito il South China Morning Post, il viaggio in Europa di Jack Ma dopo così tanto tempo, “è una chiara indicazione che i regolatori cinesi hanno risolto i loro problemi con Alibaba”. Un ulteriore segno di distensione arriva dalla Borsa dove quote azionarie di Alibaba, in discesa del 35% a New York e Hong Kong da dicembre 2020, hanno fatto registrare un +20% dalla fine di settembre.

Il Governo di Pechino sta mollando la presa e anche il Quotidiano del Popolo parla di Alibaba in termini entusiastici, in riferimento al “made in China”, considerato attualmente un’eccellenza, soprattutto nel settore strategico dei semiconduttori. A tal proposito, i tecnici della società hanno progettato e rilasciato un nuovo chip, denominato Yitian 710, da usare sui suoi server “nelle operazioni cloud dell’azienda”, rappresentando “il terzo chip progettato dal gigante dell’e-commerce negli ultimi due anni”.

Di umili origini, con un padre fotografo e la madre operaia, la fama di Jack Ma è decollata negli ultimi anni, diventando il centro delle attenzioni da parte di molti governi. Così, il magnate ha iniziato a frequentare i più illustri primi ministri e presidenti in giro nel mondo. Nel 1999 ha progettato e fondato Alibaba, con lo scopo di supportare le piccole imprese nella vendita online. Ma, in poco tempo, Alibaba si trasforma in un colosso del settore. Infine, nel giro di pochi anni, Jack Ma dà vita a  “Taobao”, una sorte di eBay cinese, a “Tmall”, grazie al quale i rivenditori dei differenti brand del mondo aprono negozi virtuali e ad “Alipay”, uno sviluppato sistema di pagamento online, che attualmente coordina oltre la metà di tutti i commerci effettuati in rete nel Paese.