Giornalista americano visualizza il codice sorgente HTML di un sito e viene accusato di essere un hacker

Giornalista americano visualizza il codice sorgente HTML di un sito e viene accusato di essere un hacker

Il giornalista è una professione molto delicata; bisogna sempre chiarire le proprie intenzioni e il fine di ogni dichiarazione per non incorrere in spiacevoli eventi che possono mettere a repentaglio la propria carriera, ma a volte questo non basta. 

A tal proposito, un grande incomprensione ha avuto luogo negli Stati Uniti d’America dopo che un giornalista ha segnalato, con scopi pacifici, un evidente vulnerabilità nei sistemi di sicurezza dei siti web dello Stato del Missouri. Il governatore Mike Parson invece di ringraziare il giornalista, lo ha accusato di hacking ed ha intenzione di perseguirlo legalmente. 

Stiamo parlando di Josh Renaud, giornalista del St. Louis Post-Dispatch, un importante quotidiano regionale con sede a St. Louis nel Missouri, che ha identificato un difetto di sicurezza informatica sul sito web del Missouri Department of Elementary and Secondary Education a causa del quale erano esposti in chiaro su Internet e facilmente accessibili e raggiungibili da qualsiasi utente più di 100 mila numeri di previdenza sociale di insegnanti, amministratori, e altri funzionari dell’istruzione scolastica e dipendenti del governo. Dopo aver individuato questa falla nel sistema, il Giornale ha verificato la veridicità di quanto affermato da Renaud con l’aiuto di un professionista di sicurezza informatica e ha responsabilmente informato il governo dandogli il tempo di rimuovere le pagine web incriminate, rendendo noto quanto successo solo dopo che il problema di sicurezza fosse stato pienamente risolto.

Ci si aspettava un grande riconoscimento per una persona che è stata in grado di individuare una falla nel sistema dello Stato ed averlo aiutato a risolverla, invece no. Al contrario, il governatore del Missouri Mike Parson ha annunciato di voler intraprendere un’azione legale e fare causa al giornalista Renaud, definendolo un “hacker” e accusandolo di aver provato ad effettuare un tentativo di rubare informazioni personali e danneggiare gli abitanti del Missouri”. Il problema è che Renaud non ha provato ad hackerare nulla, per trovare il difetto gli è bastato visualizzare l’HTML del sito web, premere il tasto F12 e visualizzare la sorgente della pagina, cosa che un qualsiasi individuo può fare.

L’accusa che il governatore ha deciso di portare in tribunale è la seguente: “Un hacker è qualcuno che ottiene un accesso non autorizzato a informazioni o contenuti. Questo individuo non aveva il permesso di fare ciò che ha fatto. Non avevano alcuna autorizzazione per convertire e decodificare il codice”. Questo evento mostra chiaramente un enorme fraintendimento su come funziona la tecnologia per un leader di Stato.