Nuove macchine elettriche wireless in Germania

Nuove macchine elettriche wireless in Germania

12/12/2019 0 Di Redazione

In Germania ultimamente è stato concretizzato un nuovo progetto, ossia Talako, da definirsi rivoluzionario in quanto ha a che fare con la ricarica delle auto elettriche via wireless, vale a dire una ricarica che avviene senza l’utilizzo di alcun cavo elettrico, ma piuttosto per induzione elettromagnetica. Il progetto attualmente sembrerebbe aver raggiunto però solamente la piccola cittadina tedesca di Colonia, sebbene comunque  l’obiettivo principale dell’azienda produttrice sia quello di espandersi raggiungendo il mercato globale. Il nome Talako è l’acronimo di Taxi Charging Concept For Public Spaces, e risulta essere figlio di un progetto più grande chiamato SMATA. Talako al momento è rivolto in particolar modo ai taxi elettrici presenti in Germania. Ciò che è stato sperimentato è stato un modo per poter ricaricare le auto anche a distanza e senza bisogno di fili aggiuntivi. A sviluppare il progetto Talako ci ha pensato l’azienda inglese LEVC, situata a Londra, azienda che per prima ha ideato dei modelli di Taxi rivoluzionari del tutto elettrici. Per comprendere la grandezza del progetto ci basti pensare che in genere l’autonomia di un taxi normale, prima che necessiti di un’ulteriore ricarica, è circa intorno ai 150 km, ma con questa nuova invenzione, se così si può chiamare, l’autonomia dell’auto dovrebbe raggiungere 500 km, dunque si tratterebbe di un vero e proprio cambiamento. Un progetto piuttosto simile aveva già visto poco tempo prima la Norvegia protagonista ed era stato sviluppato dall’azienda Connet Kerb. Tuttavia tra le due aziende, rispettivamente quella londinese e quella norvegese, ci sarebbero delle differenze sostanziali non da poco che vedrebbero la società LEVC vincitrice sul fronte dell’innovazione. L’idea di fondo della LEVC sarebbe quella di coinvolgere quante più case automobilistiche possibili, cercando in questo modo di estendersi e sviluppare popolarità. La diffusione su larga scala del progetto, nonostante sia molto accreditata, risulta però ancora piuttosto utopica, soprattutto per il fatto che si tratta di un’idea che di base prevede la costruzione di molte piastre ad induzione nelle colonnine di ricarica, che attualmente risultano ancora abbastanza limitate. In più da aggiungersi a ciò si porrebbe la difficoltà concreta di installare in ognuna delle colonnine suddette una tecnologia wireless che come potrete ben immaginare risulta avere dei costi non proprio considerevoli. Dunque il cammino verso la diffusione globale di Talako risulterebbe ancora abbastanza tortuso e di sicuro tutto in salita, dato anche il fatto che bisognerebbe per di più considerare concetti come la domanda sui mercati e le pronunce della corte Europea, ma ad ogni modo la strada intrapresa sembrerebbe comunque quella giusta.

Leggi anche: