Amazon fa a gara con Starlink di SpaceX

Amazon fa a gara con Starlink di SpaceX

Amazon sta sviluppando e studiando “Project Kuiper”, un progetto finalizzato al trasporto della connessione internet soprattutto nelle parti più “in ombra” del globo, grazie alla tecnologia satellitare. In questo modo, il colosso dell’ e – commerce Amazon aprirebbe una vera e propria competizione con Starlink di SpaceX di Elon Musk, che sta lavorando al medesimo progetto. O, almeno, Amazon sta tentando di aprire la competizione. Infatti, attualmente, Project Kuiper è solo un progetto nella mente dei suoi sviluppatori, a differenza di Starlink che è già realtà nello spazio. Per questo motivo, in molti si domandano quale saranno i tempi entro i quali Amazon lancerà i primi satelliti, concretizzando la tecnologia dell’internet satellitare e che ha denominato Project Kuiper. Una prima risposta è giunta qualche giorno fa, quando Amazon ha depositato la domanda di autorizzazione per il lancio di due modelli presso la Federal Communication Commission statunitense (FCC).

I due prototipi da lanciare in orbita sono il KuiperSat-1 e KuiperSat-2 che, stando ai piani di Amazon, dovrebbero spiccare il volo negli ultimi quattro mesi del 2022. Dovrebbe essere il razzo RS1, approntato dalla ABL Space System, un’azienda situata ad El Segundo, in California. Il KuiperSat-1 e il KuiperSat-2 saranno lanciati nell'”orbita terrestre bassa”, ad un’altitudine di 590 chilometri, e accompagnati dagli stessi dispositivi di comunicazione presenti nelle versioni finali dei satelliti, quali antenne, modem, alimentazione e propulsione. Giunti in orbita, i satelliti interagiranno con quattro terminali utente e una stazione di terra, che ha sede a McCulloch in Texas. L’esperimento di volo in orbita durerà poco più di 10 minuti; dunque si tratterà di una sequenza comunicativa breve, ma importante per sperimentare l’adeguato funzionamento dell’intera tecnologia. A tal proposito, Rajeev Badyal, vicepresidente di Project Kuiper, ha affermato: “Non c’è niente che possa sostituire i test in orbita e ci aspettiamo di imparare molto, data la complessità e il rischio di operare in un ambiente così impegnativo. Non vediamo l’ora di iniziare”.

Da questa dichiarazione, è possibile comprendere l’entusiasmo e, allo stesso tempo, l’urgenza che Amazon nutre nel partire con la sperimentazione e il lancio del suo prototipo di internet satellitare Project Kuiper. Urgenza dettata anche dalla volontà di recuperare terreno nei confronti del diretto concorrente Space X di Elon Musk con il suo Starlink. Starlink che, attualmente, conta già più di 1.800 satelliti in orbita e un’offerta commerciale già consolidata. Al contrario, Amazon è ancora ai nastri di partenza e, attualmente, si prevede che potrà far partire in concretezza la sua tecnologia di internet satellitare Project Kuiper non prima del 2023 inoltrato.