Amberdata, la start – up blockchain della Silicon Valley

Amberdata, la start – up blockchain della Silicon Valley

12/11/2019 0 Di Redazione

Nella suggestiva e famosa Silicon Valley, immersa nell’area della Baia di San Francisco, si collocano le più importanti società internazionali specializzate in tecnologia (su tutte spiccano Google e Apple), molte istituzioni che concentrano il loro interesse sulla tecnologia (collegate, poi, all’Università di Palo Alto) e tantissime start – up. Tra le moltissime organizzazioni di recente creazione e che mirano a diventare una grande impresa c’è sicuramente “Amberdata”, fondata nel 2017 a Palo Alto, nel cuore della California, da Shawn Duglass e da TongTong Gong.

Si tratta di una piattaforma di nuova generazione che fornisce agli utenti i dati blockchain autenticati e in tempo reale. Vanta collaborazioni con: West Coast Startups, Palo Alto Companies, United States Internet Companies e Western US SeedStage Companies. Nell’elenco dei suoi competitors è possibile trovare Coinify, Blockstream e Chainanalysis.

La mission di Amberdata è quella di rendere più accessibile le modalità con cui gli innovatori possono avere accesso alle nuove opportunità e prospettive del mercato economico. Un’accessibilità davvero alla portata di tutti, che velocizzi l’innovazione ed il progresso per un futuro migliore.
Ovviamente l’azienda di San Francisco usa servizi all’avanguardia, inclusi Google Analytics, Google Tag Manager e Google Apps for Work. Infatti, la start – up californiana combina i dati della rete di blocchi (Blockchain identifica proprio questo, infatti) e il mercato delle criptovalute certificate e verificate dai principali scambi di valute accessibili mediante specifici codici informatici all’interno di una piattaforma unificata. Attraverso questo incrocio, Amberdata fa sì che i clienti possano dare vita ad applicazioni basate su dati finalizzati a sviluppare e mantenere inalterato nel tempo un importante vantaggio in tema di concorrenza rispetto ai competitors più diretti.

Dalla piattaforma di Amberdata gli investitori potranno ricavare anche dati sui prezzi di mercato e metriche di valutazione, rintracciabili in un formato che nessun altro fornitore è in grado di offrire nel settore.
Infatti, la start – up americana ha compreso come la blockchain e le criptovalute siano i fondamenti dell’intera infrastruttura finanziaria nell’era del digitale, prendendo consapevolezza della necessità per sviluppatori, aziende, commercianti e revisori di rimanere costantemente aggiornati nel settore per poter ampliare il proprio livello di competitività.
Inoltre, a differenza del mercato tradizionale, quello delle risorse digitali è un software che trasmette un valore e, per far questo, ha bisogno delle reti blockchain.

Queste ultime, a loro volta, necessitano di un livello di analisi diverso che, appunto, Amberdata progetta di fornire ai suoi utenti. Come ogni start – up, anche Amberdata coltiva sogni ambiziosi e progetti davvero di notevole livello, in un settore davvero in rampa di lancio. Infatti, la blockchain e le criptovalute sono logiche sempre più conosciute, in grado di innovare il commercio e l’economia mondiale.