Come creare un sito web multilingua con WordPress

Come creare un sito web multilingua con WordPress

09/12/2022 0 By Rosy Chianese

Se stai creando un sito con WordPress e vuoi che abbia delle ottime opportunità in ottica SEO, la soluzione ideale è quella di crearlo in modalità “multilingua“.

Per creare un sito web multilingua con WordPress hai a disposizione diversi modi. Quello più utilizzato è installare un plugin multilingua che abbia il compito di reindirizzare automaticamente gli utenti alla lingua da loro selezionata.

Un altro modo, invece, è quello di creare delle multiple installazioni del CMS, singolarmente tradotte da professionisti. L’ultimo modo è rappresentato dalla classica traduzione automatica, che si occupa di associare a WordPress un plugin che si basa sui servizi di traduzione automatica come, ad esempio, Google Translate. Vediamo ora, nel dettaglio, come creare un sito web multilingua con WordPress.

Plugin multilingua WordPress gratis o a pagamento?

Quando siamo in procinto di scegliere il plugin multilingua per il nostro sito dobbiamo prima capire se fa più al caso nostro un plugin gratuito o a pagamento. Ogni utente ha le proprie esigenze ed i propri obiettivi da raggiungere, se questi sono limitati, ad esempio, è più idoneo scegliere un plugin gratuito anche se non ha le stesse funzionalità di quello a pagamento.

Quando si sceglie un plugin gratuito bisogna valutare il fatto che potrebbe non essere perfettamente compatibile con il tema WordPress o, in alcune sezioni, le traduzioni potrebbero non essere fatte ad hoc. Problematiche che non presentano, invece, i plugin a pagamento che offrono, soprattutto, la possibilità di usufruire del supporto del produttore o del servizio di hosting.

Guida all’installazione del plugin su WordPress

Di solito i plugin multilingue richiedono la creazione di più versioni dello stesso articolo in modo da tradurlo in diverse lingue ma esistono, sul web, dei tool che permettono di effettuare più traduzioni contemporaneamente in un’unica versione.

Per prima cosa andrà installato ed attivato il plugin associandolo, se disponibili, a tutte le sue componenti aggiuntive. Una volta fatto si potrà passare alla configurazione e alla scelta della lingua predefinita del sito e delle varie lingue in cui andrà fatta la traduzione. Completati questi semplici passaggi, il sito è pronto per essere tradotto in modo corretto.

Come si usa Polylang?

Grazie a Polylang, un plugin gratuito, è sufficiente cliccare su “+” nell’opzione “lingua” di ogni pagina e aggiungere i contenuti della pagina tradotta, proprio come se fosse semplicemente una nuova pagina del sito.

La traduzione automatica

Un’altra opzione per creare un sito web multilingua con b è quella di impostare la traduzione automatica. Scegliendo questo metodo, il sito verrà realizzato in un’unica lingua ma potrà essere visualizzato in una lingua diversa, scelta dal visitatore, grazie a dei plugin specifici.

Purtroppo, in questo caso, bisogna valutare anche gli aspetti negativi ovvero che non sempre verrà garantito un ottimo livello di traduzione e questo potrebbe diventare un problema sia in ottica SEO sia in merito al ritorno d’immagine del sito stesso.

Ti consiglio di leggere anche…

WordPress 6.0: disponibile l’aggiornamento, ecco l’elenco delle novità

Come creare una tabella in WordPress con Elementor

La guida GoDaddy per aprire un eCommerce con WordPress