Come creare una buona suoneria per il nostro Smartphone

Come creare una buona suoneria per il nostro Smartphone

Da tempi ormai immemori, è impossibile dimenticare l’importanza d’una bella suoneria. Anche se abbiamo iniziato con un semplice squillo, siamo poi passati ad avere telefonini con molteplici suonerie diverse e la possibilità anche di comporre le nostre. Con il tempo e l’introduzione delle suonerie polifoniche, si è anche aperta la grande occasione d’installare qualsiasi suoneria si ha in mente, con il proprio cavo dati o tramite degli abbonamenti telefonici specifici. 

Ma finalmente il tutto è stato abbastanza semplificato per la creazione e l’inserimento di varie musiche che è possibile usare come suonerie. Alcuni Smartphone hanno comunque dei limiti – qualsiasi sia la loro motivazione – per quel che riguarda l’uso di suonerie per messaggi e simili, ma non si può comunque ignorare che la semplice lettura d’un file MP3 (o d’altri formati) può bastare per creare una semplice suoneria per il nostro cellulare.

Ma cosa crea effettivamente una suoneria di buona entità? Innanzitutto cominciamo col dire che bisogna essere coscienti anche delle prestazioni del proprio Smartphone. Anche quando questo è difatti tanto potente da aprire file audio di qualsiasi formato, bisogna considerare l’impegno combinato di ricevere la telefonata e riprodurre la suoneria. Vi è sempre un ritardo particolare quando si parla di attivare entrambe le funzioni, non importa la potenza dello Smartphone. Perciò è anche bene ridurre il ritardo il più possibile mettendo a disposizione un file che può essere aperto il più velocemente possibile.

Per questo è bene tener d’occhio queste caratteristiche in un file audio impiegato per la suoneria:

  • Una durata audio che non va oltre i 15 o i 30 secondi
  • Un Bitrate non elevatissimo (non superiore ai 320)
  • Un formato con una compressione nella media (MP3)

Tutte queste cose sono fatte proprio per ridurre i tempi di lettura e riproduzione del file sonoro. Più corto è, più veloce verrà riprodotto. Ciò non significa che è possibile usare un file con un bitrate molto basso e con una compressione molto alta, per poter ascoltare una suoneria di cinque minuti: oltre che impossibile da ascoltare tutta (in genere si viene staccati prima dal servizio in sé) comunque lo Smartphone deve leggere velocemente tutta la durata della canzone per riprodurla – per motivi di sicurezza.

Un ottimo strumento per creare qualche traccia al volo è Audacity (https://www.audacityteam.org/download/) il quale permette anche di registrare l’audio del PC e trasformare il tutto in un MP3 (scaricando il Plug-in a parte). Solitamente parlando può elaborare anche file MP3 già esistenti per ridurre la durata della musica e rendere perciò il tutto più compatibile.

Se invece avete a disposizione solamente il vostro Smartphone, una buona idea è usare un App come Mp3 Cutter di InShot (https://play.google.com/store/apps/details?id=ringtone.maker.mp3.cutter.audio) il quale può fornire una rapida e semplice soluzione a tutti i file sonori troppo lunghi per essere utilizzati come suoneria.