Come risolvere il problema con l’installazione di Windows 11 non riuscita

Come risolvere il problema con l’installazione di Windows 11 non riuscita

Windows 11, l’ultimo sistema operativo lanciato dalla Microsoft, presenta ancora alcune criticità. E, per questo motivo, non è raro che gli utenti possano imbattersi in errori di installazione o nel mancato funzionamento di alcune opzioni in esso presenti. Uno dei messaggi di errore più comune che potrebbe presentarsi agli utenti è il codice “Installazione di Windows 11 non riuscita”. Tuttavia, questo messaggio non specifica chiaramente quale sia il motivo del problema. Infatti, potrebbero esserci molte cause dietro al codice di errore “Installazione di Windows 11 non riuscita”, che accompagna il processo di installazione di Windows 11.

L’installazione non riuscita di Windows 11 potrebbe essere legata, per prima cosa, ad un’incompatibilità con il sistema hardware. Infatti, se il computer non soddisfa i criteri di base conformi al funzionamento di Windows, non sarà possibile installare ed usare Windows 11. Inoltre, Windows necessita la presenza di TPM 2.0 e Secure Boot sul PC prima di poter intraprendere l’installazione di Windows 11. Queste funzionalità potranno essere attivate, agendo direttamente all’interno delle impostazioni del BIOS. Ma anche la presenza di un driver della scheda grafica corrotto o superato potrebbe ostacolare la corretta installazione di Windows 11.

Tuttavia, l’utente non deve perdersi d’animo. Dopo aver appreso come Come risolvere il problema del blocco nella schermata di avvio in Windows 11, basterà mettere in atto alcuni accorgimenti per poter capire come come risolvere il problema con l’installazione di Windows 11 non riuscita. Per prima cosa, per risolvere il problema con l’installazione di Windows 11 non riuscita, sarà necessario verificare i requisiti hardware del proprio PC e controllare se siano conformi ai criteri stabiliti da Microsoft. I requisiti di sistema richiesti sono i seguenti: processore dotato di 2 core funzionanti a 1 GHz o più veloce; 4 GB di RAM; almeno 64 GB di spazio di archiviazione a disposizione; installazione di un System Firmware, che assicuri un avvio protetto, compatibile con UEFI; una Graphics Card compatibile con DirectX12 o versioni successive con driver WDDM 2.0
TPM e una versione 2.0 del Trusted Platform Module.

Per risolvere il problema con l’installazione di Windows 11 non riuscita sarà necessario abilitare TPM 2.0. In particolare, i chip TPM si trovano sulla scheda madre del computer. Si tratta di un processore dedicato alla gestione della crittografia, che presenta una parte della chiave segreta, utile per sbloccare il device e accedere ai servizi. E, così, per aggiornare Windows 11, TPM 2.0 deve essere attivo. Infatti, il nuovo sistema operativo usa TPM 2.0 perché alcune opzioni possano funzionare adeguatamente. Abilitare il TPM su Windows richiede alcuni passaggi. Per prima cosa, sarà necessario avviare le Impostazioni di Windows, selezionare Update & Security, aprire Aggiornamenti e impostazioni di sicurezza e, dal riquadro di sinistra, selezionare Recovery.

In seguito, sarà necessario scegliere il comando Restart now. Dopo il riavvio del computer, si aprirà una nuova schermata, da cui sarà necessario scegliere prima Troubleshoot e, poi, Advanced options. E, infine, per completare l’operazione, basterà aprire il Security settings, selezionare il Trusted Platform Module (TPM) e scegliere Enabled. Dopo aver premuto Enter, sarà sufficiente aspettare il riavvio del PC.

Per risolvere il problema dell’installazione di Windows 11, il PC deve presentare e supportare Secure Boot. Grazie a questa funzionalità, il sistema operativo si avvierà in modo sicuro, impedendo pericoli e danni al PC. Per abilitare l’opzione Secure Boot sul PC, utile per apprendere come risolvere il problema dell’installazione di Windows 11 non riuscita, sarà necessaria avviare le Impostazioni di Windows, selezionare Updates & Security, poi Recovery e Restart button. Si aprirà una nuova schermata, da cui sarà necessario scegliere, di seguito, Troubleshoot, Advanced options e UEFI Firmware settings. Infine, sarà necessario cliccare su Restart button, aprire il Security settings, selezionare il Secure Boot e abilitarlo. Dopo aver premuto Enter, sarà necessario procedere con la Configurazione di avvio sicuro e, per poi, uscire dalle Impostazioni.

Qualora l’utente trovi difficoltà a superare le impostazioni del BIOS, sarà possibile saltare l’installazione della TPM 2.0 e del Secure Bot, usando il registro di Windows. Oppure, in alternativa, sarebbe opportuno disinstallare i driver della GPU, perché un driver danneggiato potrebbe arrecare problemi nell’installazione di Windows 11. Per questo motivo, è utile disinstallare il driver della GPU e comprendere se, agendo in questo modo, si risolve il problema. Per disinstallare la GPU, sarebbe opportuno andare su Gestione dispositivi, che si trova all’interno dell’area di ricerca della barra delle applicazioni, e premere Invio. All’interno della finestra Gestione dispositivi, sarà necessario espandere Display adapters, cliccare con il pulsante destro del mouse sul driver grafico e, infine, selezionare Uninstall device.