Contattare online la Polizia Postale per Facebook

Contattare online la Polizia Postale per Facebook

10/04/2021 0 Di miriampaterna

In un mondo come quello moderno, in cui è diventato molto più facile nascondersi dietro dei computer o degli account falsi per commettere attività illecite, sono tanti i reati che purtroppo vengono commessi online. Per fortuna, esistono diversi strumenti per segnalare tali comportamenti scorretti sia alla piattaforma stessa, attraverso delle segnalazioni interne al sito o al social network, oppure delle verie e proprie denunce alla polizia postale.

Su Facebook, ad esempio, può capitare di assistere a dei semplici comportamenti scorretti, che possono essere segnalati internamente al team del socia, o purtroppo, nei casi più gravi, anche dei reati più gravi come il phishing, la pedofilia o altro ancora. Cosa fare in questi casi? Chi contattare e come?

Se vuoi saperne di più anche tu sulla polizia postale, di cosa si occupa esattamente e come contattare online la Polizia Postale per Facebook, continua a leggere questo articolo!

  • Polizia postale e social network
  • Segnalazioni alla Polizia Postale per Facebook
  • Come mandare una segnalazione online alla Polizia Postale per Facebook

Polizia postale e social network

La Polizia postale e delle comunicazioni è un compartimento della Polizia di Stato italiana, specializzata proprio nel contrasto delle frodi postali e del crimine informatico. Ai tempi dei social network, essa cerca di stare sempre al passo con i tempi e di fornire ai propri utenti delle risposte immediate, in tempo reale, per evitare di fornire nelle tante trappole, truffe e reati che spesso ormai si compiono online. 

Lo stesso sito del Servizio Polizia Postale è gestito da investigatori, tecnici ed esperti che garantiscono un servizio attivo in materia giuridica e sociale. 

Degna di particolare nota è la sezione dedicata alle news, nella quale vengono resi pubblici i principali fenomeni presenti sul web, così da fare prevenzione ed informare il pubblico su quali siano i pericoli online, donare dei consigli utili per una navigazione sicura e fornire esempi di alcune operazioni svolte dalla Polizia Postale in territorio nazionale ed internazionale.

Data la continua e costante evoluzione del mondo della comunicazione, la cui massima espressione consiste oggi nei social network, la Polizia Postale è presente oggigiorno anche su Facebook, con una pagina attraverso la quale continua la sua attività informativa sul portale.

Segnalazioni online alla Polizia Postale per Facebook

Particolare rilevanza sul sito della Polizia Postale, oltre alla sezione dedicata alle news, viene data dalla gestione dei servizi “Richiedi informazioni” e “Segnala online”: si tratta di un ulteriore servizio che mira a risolvere le problematiche degli utenti attraverso un’attenta analisi delle richieste inoltrate dagli utenti, attraverso una fase preliminare di accertamento delle fenomenologie rilevate, per poi avanzare un’eventuale indagine e coinvolgere in caso anche gli Uffici Territoriali.  

Attraverso questo ulteriore servizio online, l’obiettivo è quello di rendere ancora più fruibile la sicurezza informatica e quindi la possibilità per il cittadino di interagire con la Polizia Postale senza la necessità di recarsi fisicamente al commissariato.

Dietro questi servizi online, c’è un team che si avvale del personale della Polizia Postale dislocato su tutto il territorio nazionale, attraverso 20 compartimenti e sezioni della Specialità.

Come mandare una segnalazione online alla Polizia Postale per Facebook

Innanzitutto, per poter accedere a tale servizio, non è più necessario effettuare la registrazione al portale, bensì andrà solo validato il link inviato in automatico dal sistema sulla casella di posta elettronica indicata. 

Per inviare quindi una segnalazione, ovvero un atto tramite il quale si pone l’attenzione della Polizia Statale su comportamenti ed eventi di natura illegale e quindi si vuole far verificare l’illiceità dei fatti rappresentati, è necessario recarsi a questo link

Si accederà a questo punto ad un modulo, in cui si devono inserire la propria email, il proprio numero di telefono (se si intende essere ricontattato lì), insieme ad altri dati opzionali quali la provincia ed il comune. 

Campi obbligatori da riempire in una segnalazione del genere sono invece l’argomento della segnalazione (a scelta tra il fenomeno di defacement, phishing, pedofilia, social network o antiterrorismo online), in questo caso “social network”, l’URL della pagina in questione e la data in cui è stato visualizzato tale atto illegale. 

Leggi anche: