Formattare, reimpostare, reinizializzare e ripristinare PC Windows alle impostazioni di fabbrica

Formattare, reimpostare, reinizializzare e ripristinare PC Windows alle impostazioni di fabbrica

26/05/2021 0 Di Redazione

I nativi digitali lo ricorderanno sicuramente. Fino a una quindicina di anni fa, se un PC con Windows iniziava a dare problemi prima lo si formattava da DOS, poi si installava Windows e, infine, tutti i programmi e i dati che si conservavano su floppy disk di riserva. Qualcosa che somigliava, come tempo e come impegno, più a una delle dodici fatiche di Ercole che a una operazione digitale. Le cose sono cambiate e, fortunatamente, Windows ci mette a disposizione una serie di strumenti in grado di aiutarci a risolvere la maggior parte dei problemi e ritrovarci con un sistema, praticamente, come nuovo. Prima di procedere oltre, comunque, è il caso di fare un poco di chiarezza con i termini in modo da usare, per ogni diversa situazione, la procedura corretta.

Ripristino Pc Windows, termini e significati

Formattare, in pratica, significa preparare un supporto magnetico (un disco fisso, una SSD o, per chi lo dovesse ancora usare, un floppy disk) per poterlo utilizzare per memorizzare dati e programmi. Reinizializzare, invece, significa riportare il PC allo stato in cui ci è stato venduto mantenendo i nostri file che saranno, invece, eliminati nel caso in cui eseguiremo la procedura per reimpostare la nostra macchina. Ripristinare un sistema Windows è usato per riportare il nostro personal computer o il nostro notebook a uno stato precedente in cui siamo sicuri funzionasse senza problemi.

Come formattare Pc Windows

Diciamo che, in linea di massima, formatteremo il nostro PC nel caso di gravi errori (virus e malware molto “forti”) o nel caso in cui desideriamo cambiare il sistema operativo. La formattazione ci darà un disco fisso completamente vuoto ad esclusione di alcune porzioni riservate alla gestione dei file e del sistema operativo. Se notiamo che il nostro PC ha subito un inspiegabile calo di prestazioni possiamo provare a reinizializzare Windows, cioè a riportarlo allo stato iniziale senza perdere i nostri dati, i programmi e le app fornite con il sistema e quelle installate dallo Store di Microsoft. L’elenco degli eventuali programmi installati dal web o da DVD, che saranno rimosse, sarà presente sul desktop. Se pensiamo di regalare o vendere il nostro computer è il caso, prima, di reimpostarlo allo stato iniziale come se fosse nuovo e appena uscito dal negozio. Durante la procedura ci verrà chiesto se effettuare una cancellazione rapida o completa dei nostri dati. Teniamo presente che la cancellazione rapida consente, ad alcuni programmi speciali, di recuperare i dati mentre quella completa, molto più lenta, rende improbabile il loro recupero.

Reinizializzare Windows

Per reinizializzare o reimpostare è indispensabile usare le informazioni contenute nella partizione presente in genere su quasi tutti i sistemi OEM e alla quale si accede con una combinazione di tasti da premere all’avvio. Dal menù che ci apparirà potremo scegliere se reinizializzare o reimpostare. Nel caso in cui non fosse presente la partizione di solito dovremo usare il DVD fornito con il sistema o trovare nel sito dell’assistenza i programmi e i driver necessari. Infine, se ci rendiamo conto che dopo l’installazione di un nuovo drive o di un software, il computer ha comportamenti anomali possiamo provare il ripristino a uno stato precedente. Il ripristino non tocca i file dell’utente ma potrebbe cancellare i programmi e i drive installati dopo la data in cui è stato creato il punto di ripristino. Le opzioni per procedere al ripristino sono disponibili nel pannello di controllo selezionando “Sistema e sicurezza” e poi “Sicurezza e manutenzione” dove troveremo la voce “Ripristino”.

Leggi anche: