La gestione della reputazione online secondo gli Avvocati di Cyber Lex

La gestione della reputazione online secondo gli Avvocati di Cyber Lex

19/08/2020 0 Di Redazione

Abbiamo contattato i responsabili dell’area legale di Cyber Lex, Avvocati Angelica Parente e Domenico Bianculli, per conoscere più da vicino le dinamiche della web reputation sui motori di ricerca ai tempi del diritto all’oblio.

Cyber Lex è una società di servizi nata a Roma nel 2016 ed oggi attiva su tutto il territorio europeo. Si occupa principalmente di gestione della reputazione online e di diritto all’oblio, ovvero di cancellazione da internet di informazioni riservate, obsolete ed inopportune per conto di persone ed aziende. Ad esempio, potete rivolgervi a Cyber Lex per cancellare notizie indesiderate dai risultati di ricerca Google e rimuovere i collegamenti alle pagine web che non volete che siano visualizzate quando si digita il vostro nome e cognome o il nome della vostra azienda nella ricerca. Tra i fondatori di questa realtà ci sono gli Avvocati Angelica Parente e Domenico Bianculli, entrambi del foro di Roma e titolari dell’omonimo studio legale Parente Bianculli & Associati. Abbiamo avuto il piacere di intervistarli per conoscere più da vicino i servizi offerti in materia di web reputation e farci offrire un interessante approfondimento della materia del diritto all’oblio. Continuate a leggere!

Avvocati, grazie della disponibilità! Abbiamo letto su internet che i servizi offerti da Cyber Lex sono erogati da un team informatico e legale. Ci spiegate meglio come possono cooperare queste due professioni?

Quando vogliamo rimuovere una pagina web da un risultato di ricerca Google (risponde l’Avvocato Domenico Bianculli) dobbiamo presentare a Google una richiesta di carattere legale. Per farlo, utilizziamo uno Strumento per la rimozione che Google stessa mette a disposizione dei Webmaster. Questo strumento richiede competenze tecniche per fornire tutte le informazioni utili ad individuare le pagine web ed i motivi per i quali andrebbero rimossi dagli elenchi dei risultati di ricerca. Una volta inviata la domanda, un team di Google ci fornirà una risposta all’interno della quale leggeremo se le pagine web sono state rimosse oppure se Google avrà deciso di non accogliere la richiesta e, in quest’ultimo caso, per quale motivo.

Schermata 2020-08-12 alle 10.50.27

Cosa succede quando Google decide di non rimuovere i risultati di ricerca?

In quel caso (risponde l’Avvocato Angelica Parente) possiamo sottoporre la questione all’Autorità per la protezione dei dati attraverso il procedimento di reclamo ai sensi dell’articolo 77 del Regolamento UE/679/2016, conosciuto anche come general Data Protection Regulation (GDPR). Soltanto un’Autorità può sancire il diritto all’oblio delle informazioni personali sui motori di ricerca. Infatti, far sparire da internet una pagina web è un’operazione complessa che richiede una valutazione specifica per ogni caso e deve, ogni volta, decidere l’equilibrio tra il diritto all’oblio e il diritto di cronaca.

Quindi il diritto all’oblio esiste ma non è garantito, giusto?

Esatto (risponde l’Avvocato Domenico Bianculli), nonostante molte società offrono garanzie sul diritto all’oblio, il mio consiglio è di diffidare da chi promette un risultato che può essere aggiudicato soltanto da un’Autorità. Si può comunque ottenere un miglioramento della propria reputazione anche senza avere diritto all’oblio.

Schermata 2020-08-12 alle 10.49.34

Ci spieghi meglio questa cosa, Avvocato

Sui motori di ricerca (continua l’Avvocato Domenico Bianculli) è possibile nascondere le informazioni indesiderate attraverso progetti di Online Reputation Management (ORM), questi progetti, di fatto, ottimizzano i risultati di ricerca associati al nominativo di una persona o di un’azienda, rendendo meno visibili le pagine web indesiderate. Per eseguire questi progetti è necessario miscelare competenze informatiche, legali e di comunicazione sui motori di ricerca. Gli strumenti sono tantissimi, il team di Cyber Lex, ad esempio, utilizza gli Strumenti per Webmaster ed i software di ottimizzazione delle pagine web.

Chi si rivolge a Cyber Lex?

Alla nostra società (spiega l’Avvocato Angelica Parente) si rivolgono prima di tutto i colleghi che hanno bisogno di assistenza nella presentazione della richiesta di cancellazione delle pagine web per conto dei loro assistiti. Agli studi legali offriamo un’area riservata attraverso la quale è possibile gestire la richiesta e monitorare lo stato della cancellazione. Gli imprenditori ed i liberi professionisti si rivolgono direttamente a noi, grazie al passaparola o alle pubblicità, per risolvere i loro problemi di reputazione sui motori di ricerca. Offriamo un approccio consulenziale, analizziamo, prima di tutto, lo stato degli indici di ricerca associati al nominativo dell’interessato, dopodiché costruiamo un progetto di Online Reputation Management calibrando l’azione legale con quella informatica in base alla tipologia di informazioni che si desidera cancellare.

Ringraziamo gli Avvocati Angelica Parente e Domenico Bianculli! Potete contattarli attraverso i riferimenti che trovate all’interno dei siti:

www.cyberlex.net 

www.cyberlex.it

www.cyberlex.co.uk 

Leggi anche: