Secondo la BBC la dipendenza da internet diventerà presto un problema molto serio

Secondo la BBC la dipendenza da internet diventerà presto un problema molto serio

Social media, smartphone, PC e device elettronici di ogni genere hanno di certo segnato una buona parte dei progressi che attualmente caratterizzano la società. Ma, accanto ai passi in avanti e alle innovazioni, questi strumenti, se usati male, possono avere degli effetti collaterali molto pericolosi e dannosi per la salute psico – fisica soprattutto dei più giovani. Effetti collaterali notevoli che possono portare gli utenti a sviluppare una vera e propria dipendenza da internet. Recentemente, proprio la BBC ha parlato di come la dipendenza da internet diventerà presto un problema importante, qualora non si ricorra alle giuste soluzioni per porvi rimedio.

Pertanto, ora che ha intrapreso un percorso di “guarigione” dalle dipendenze, come avviene per qualsiasi persona che vince la propria battaglia con problemi simili, anche Cam Adair ha tentato di condividere e diffondere la propria esperienza. In questo modo, ha desiderato toccare il cuore di quante più persone possibili al fine di salvarle dal punto estremo a cui era giunto lui prima di prendere consapevolezza del problema. Anche per questo motivo, Cam Adair ha dato vita a Game Quitters, un gruppo di supporto online che sostiene le persone vittime di dipendenze dal gioco che, attualmente, conta più di 75.000 aderenti in tutto il mondo. Perché, a differenza di quello che molti pensano, anche la dipendenza da internet e dai videogiochi è deleteria e sfiancante per chi ne è vittima.

Attualmente, esistono alcune app, attraverso le quali l’utente potrà proteggersi dalla dipendenza da internet e dall’uso eccessivo delle piattaforme social. A tal proposito, alcune aziende hanno realizzato strumenti finalizzati al blocco e alla limitazione dell’accesso a siti di giochi e all’intero mondo della rete, utili anche per proteggere i bambini dal mondo della rete. Una di queste applicazioni è “Linewize“, dedicata ai bambini e ai genitori. L’applicazione è disponibile sia in versione di sito web, che di applicazione. In entrambi i casi, i genitori potranno controllare e limitare, anche a distanza, il tempo che i figli spenderanno sui siti di giochi, videogiochi o, in generale, sul web, attraverso qualsiasi device. Un’alternativa a Linewize è “BetBlocker“. Si tratta di un’applicazione più generica, che consente il blocco dell’accesso a siti web e ad applicazioni di gioco per un periodo di tempo scelto dall’utente. Con l’attivazione della limitazione, l’utente non potrà avere l’accesso alla piattaforma, fin quando la restrizione non terminerà. Lo stesso funzionamento riguarda “GamBlock”, anche se il suo Amministratore Delegato ha spiegato che coloro che hanno progettato l’app non sono “contro il gioco d’azzardo”.