Store PS3, PS Vita e PSP chiuso questa estate: cosa fare

Store PS3, PS Vita e PSP chiuso questa estate: cosa fare

Chi non ha mai giocato almeno ad una di queste storiche console? PS3, PS Vita e PSP hanno intrattenuto per anni e anni milioni di videogiocatori. Attualmente, molti di essi avranno accantonato questi giochi del passato, per dilettarsi nella tecnologia avanzata garantita dalla PS4 e, da poco, anche dalla PS5. Lo stretto rapporto tra queste due ultime console che ha voluto costruire la Sony si è visto fin da subito. Anche noi ve lo abbiamo mostrato con la nostra breve guida su come trasferire i dati dell’account PS4 alla nuova PS5. Oggi, però, ci soffermeremo maggiormente sui tre dispositivi citati in precedenza, poiché ci sono importanti novità che li riguardano.

E’ passato qualche giorno da quando Sony ha dichiarato di chiudere definitivamente gli store online di PS3, PSP e PS Vita. Per quanto riguarda le prime due, possiamo dire con certezza che si tratta comunque di un traguardo aver resistito per così tanto tempo ed essere arrivate fino ai giorni di oggi. Basti pensare che la prima PS3 uscì nel 2006 e la prima PSP nel 2004. Per quanto riguarda, invece, la PS Vita, non si può non parlare di un incredibile flop. Doveva essere la console portatile migliore mai esistita e invece ci troviamo qui, con questa spiacevole notizia, a soli 10 anni dalla sua uscita. Ma quali sono le date della chiusura dei rispettivi negozi digitali? Scopriamolo insieme:

  • Per PS3 e PSP la chiusura è prevista per il 2 luglio 2021;
  • Per PS Vita la chiusura è prevista per il 27 agosto 2021.

Tuttavia, non bisogna pensare che ora queste console non siano più utilizzabili. Infatti, per quanto non si potranno più acquistare giochi online, lo si potrà fare tranquillamente offline, magari cercandoli su qualche sito di shopping in rete. Inoltre, sarà ancora possibile scaricare i giochi che sono nelle liste di download degli utenti e nella raccolta di chi è sottoscritto al PlayStation Plus. 

L’obiettivo della Sony sembra palese: concentrarsi sulle nuove generazioni. Proprio per questo, con questa decisione si è scelto praticamente di tagliare i rami vecchi. Tuttavia, è importante ricordare come, invece, continuino in modo costante le produzioni di remake di videogiochi. Quindi, per chiunque abbia bisogno di fare un salto nel passato, lo potrà fare tranquillamente. L’unico cambiamento sarà la risoluzione sullo schermo dell’esperienza videoludica, migliorata di gran lunga. 

Leggi anche: