Come creare comandi personalizzati ad un bot Telegram

Come creare comandi personalizzati ad un bot Telegram

04/03/2021 0 Di Redazione

La tragica esperienza della pandemia Covid-19 ci ha portato ad essere sempre più affamati di notizie e di dover scegliere le fonti più affidabili. Oltre ad una maggior presenza sui social network più famosi, nell’ultimo anno abbiamo assistito a un incremento dei Canali Telegram da parte delle pubbliche amministrazioni e dei fornitori di notizie che hanno messo in pratica quanto già segnalato da Agenda Digitale a fine 2016. Mentre i Canali Telegram sono una specie di gruppo molto grande creato allo scopo di diffondere messaggi a un pubblico potenzialmente illimitato che ha un ruolo di semplice spettatore, i bot Telegram sono piccoli programmi che funzionano all’interno dell’applicazione stessa. Un uso semplice ed elementare di un bot Telegram è la diffusione di informazioni su un determinato argomento.

Normalmente la creazione di un bot Telegram prevede l’uso delle API (Application Programming Interface) di Telegram e una buona conoscenza di uno dei linguaggi di programmazione che consentono di interagire con esse.  

Creare un bot Telegram

Fortunatamente e Telegram stesso a metterci a disposizione una serie di strumenti con i quali creare e preparare semplici comandi per il nostro nuovo bot Telegram. Il primo e fondamentale strumento è un utente speciale di Telegram, @BotFather, il nostro padrino (non per niente l’immagine ricorda vagamente De Niro nel Padrino II). Al comando /newbot BotFather ci chiederà prima il nome che vogliamo dare al nostro bot e subito dopo il nome dell’utente che non deve contenere spazi e terminare sempre con “bot”. Se tutto è corretto BotFather ci invierà a schermo la chiave (il token) del nostro nuovo bot da conservare gelosamente o quasi (copiarla e incollarla in un file di testo).

Programmare un bot Telegram in modo semplice

Già il menù di BotFather (vedi figura) ci consente di immettere e programmare semplici comandi facendo sempre precedere l’istruzione dal simbolo della barra (‘/’). Ma questo, come si intuisce dalle istruzioni ci rimanda di nuovo alle API di Telegram. Per risolvere il problema possiamo usare un altro bot, @Manybot, che ci consente di creare comandi personalizzati, menù e relativi sotto menù, inviare messaggi agli utenti iscritti, inviare messaggi automatici generati dai feed RSS, YouTube e Twitter e, infine, di creare form per contatti e feedback.

Una volta contatto Manybot dovremo aggiungere il nostro bot inserendo la chiave generata da BotFather. Cliccando sul link che ci invierà Manybot torneremo al nostro bot e potremo inserire i comandi. Per esempio se vogliamo lanciare il nostro sito internet basterà digitare /website e l’indirizzo https del nostro sito, oppure /autoposting e digitare il canale YouTube o l’account Twitter dal quale ricavare i video o le notizie interessanti. Naturalmente, come sempre in informatica, il limite è la nostra fantasia e la nostra voglia di imparare.

Leggi anche: