Come segnalare a Google i pagamenti Google Play non autorizzati

Come segnalare a Google i pagamenti Google Play non autorizzati

Sei andato a vedere il tuo estratto conto e ti sei accorto che risulta esserci stato un pagamento effettuato sul Google Play Store di cui non ricordi niente? Non preoccuparti, purtroppo questo può accadere, ma non disperarti, perché a tutto c’è un rimedio.

Sul Google Play Store, negozio virtuale preinstallato su tutti i dispositivi con sistema Android, si possono scaricare e installare moltissimi giochi e applicazioni. Alcune app sono totalmente gratuite, altre invece sono gratuite ma con alcune limitazioni, e quindi, per accedere alla versione completa, bisogna effettuare un pagamento.

Il pagamento di un’app sul Google Play Store, quando avviene, viene effettuato direttamente attraverso il dispositivo, e può essere effettuato tramite carta di credito, tramite conto PayPal, oppure scalando l’importo da pagare dal credito residuo della SIM del tuo telefono.

A volte può succedere che vengano scalati soldi anche se il pagamento non è stato realmente effettuato, oppure, può essere che qualcuno abbia preso i tuoi dati per effettuare un pagamento senza dirti nulla.

Quindi, se vedi addebiti che non riconosci nell’estratto conto, ecco come segnalare a Google i pagamenti Google Play non autorizzati.

 

Controlla la provenienza degli addebiti

Se vedi transazioni che non ricordi di aver effettuato, prima di tutto controlla se gli addebiti provengano veramente dal Google Play Store. Quindi, controlla nell’estratto conto come vengono visualizzati questi addebiti.

Questi sono i modi in cui vengono indicati gli acquisti effettuati su Google Play nell’estratto conto:

  • “GOOGLE*nome sviluppatore di app” (per le app Android)
  • “GOOGLE*nome app” (per le app Android)
  • “GOOGLE*tipo di contenuti” (per esempio, “GOOGLE*Libri”)

Quindi, controlla bene, perché se la dicitura non corrisponde ad uno di questi tre formati, allora devi contattare il servizio clienti del tuo fornitore di servizi di pagamento.

 

Controlla chi ha effettuato l’addebito

Se dopo aver controllato la provenienza dell’addebito, hai scoperto che questo è stato realmente effettuato sul Google Play Store, allora la prossima cosa da fare sarà sicuramente cercare di capire chi ha effettuato l’addebito.

Quindi, chiedi ad amici e familiari se hanno utilizzato per caso il tuo metodo di pagamento per effettuare un acquisto sul Google Play Store.

Oppure, se hai prestato il tuo dispositivo a qualche bambino, vedi se l’addebito, magari, sia stato effettuato per errore mentre il bambino giocava con il telefono / tablet.

 

Richiedere un rimborso se l’addebito è stato effettuato da un amico o un familiare

Se chiedendo in giro ai tuoi conoscenti, hai scoperto che l’addebito è stato effettuato da uno dei tuoi amici o da uno dei tuoi parenti, potrai fare richiesta di un rimborso nel caso in cui siano trascorse meno di 48 ore dall’acquisto. Questo nel caso delle app o degli acquisti in-app. Per gli acquisti di musica, libri, film o altri contenuti multimediali, il rimborso lo puoi chiedere anche dopo più di 48 ore.

Per richiedere il rimborso, vai con il computer alla pagina ufficiale del Google Play Store e fai clic sulla voce Account, dal menu laterale a sinistra, e poi su Cronologia ordini che si trova nel menu in alto. Una volta trovato l’acquisto indesiderato, seleziona l’opzione Richiedi il rimborso o Segnala un problema, e quindi seleziona l’opzione che meglio descrive la tua situazione. Ora compila il modulo che ti verrà mostrato, e indica di volere un rimborso. A questo punto riceverai un messaggio in cui ti verrà comunicato che la tua richiesta è stata effettuata. Entro 15 minuti, riceverai un’altra email contenente la decisione di Google in merito. L’invio di questa email, però, può richiedere anche fino a 4 giorni lavorativi di tempo.

 

Segnalare un addebito non riconosciuto

Se invece, l’addebito proviene dal Google Play Store, ma non è stato effettuato da nessuno che conosci, puoi inviare una segnalazione al team di assistenza Google tramite un modulo apposito per le segnalazioni di acquisti non autorizzati, e potrai farlo entro i 120 giorni dall’acquisto.

Per farlo, vai alla pagina dedicata al modulo delle segnalazioni di acquisti non autorizzati e descrivi l’acquisto effettuato, inserendo l’ID di correlazione , la data di acquisto e l’importo. Infine, fai una breve descrizione del problema che stai riscontrando, e invia il modulo facendo clic sul pulsante Invia.

Per concludere, puoi controllare lo stato del rapporto andando al modulo per la segnalazione di acquisti non autorizzati e selezionando la voce Controlla lo stato del reclamo.