Come usare al meglio Google Assistant durante le vacanze di Natale

Come usare al meglio Google Assistant durante le vacanze di Natale

La vacanze di Natale sono ormai vicine. Soprattutto, sono molto attese, perché rappresentano un’occasione imperdibile per trascorrere del tempo in relax e svago con la famiglia e gli amici più cari. Ma il periodo natalizio è anche pieno di cose da fare e momenti da organizzare. Per evitare di dimenticare qualcosa, potrebbe tornare utile ricorrere al Google Assistant, l’assistente virtuale di BigG che può intraprendere conversazioni ed interazioni con l’utente. E, proprio a proposito dell’assistente virtuale, attraverso il blog ufficiale di BigG, gli esperti e gli sviluppatori di Mountain View hanno suggerito i 10 usi più efficaci per usare al meglio il Google Assistant durante le vacanze di Natale. 

La lista comprende suggerimenti divertenti, pratici e facilmente concretizzabili. Scorrendo la lista delle indicazioni inserite da Google, è possibile notare come da Mountain View suggeriscano di usare l’assistente virtuale per ottenere indicazioni e consigli per nuove ricette e piatti. Il periodo natalizio favorisce riunioni, serate e pranzi in grane compagnia. E non sempre c’è l’idea giusta per creare piatti e prelibatezze. Così, Google Assistant può venire in soccorso e suggerire nuove ricette con cui stupire gli invitati. L’assistente di BigG può realizzare una sorta di libreria digitale, creando la lista dei “Preferiti”, in cui inserire eventualmente ricette e libri che si desidera tenere da parte per fruirne in un momento successivo. A quel punto, sarà sufficiente dire: “Ehi Google, aggiungi al mio libro di cucina. Quando arriverà, poi il momento di avvicinarsi ai fornelli, basterà dire: “Ehi Google, mostrami il mio libro di cucina”. Messi insieme tutti gli ingredienti e dicendo: “Hey Google, inizia a cucinare”, BigG metterà a disposizione sullo Smart Display tutte le fasi del procedimento per realizzare la ricetta desiderata.

Google Assistant può diventare un valido alleato quando, a pranzo o cena ultimati, sarà giunto il momento di chiamare a raccolta tutti i commensali. E, così, attivando Broadcast, tutti sapranno che è ora di andare a tavola, perché sarà sufficiente dire: “Ok Google, trasmetti <<la cena è pronta>>”. L’assistente virtuale, poi, può allietare le serata con della buona musica. E, anche se non si hanno idee musicali pronte, basterà dire: “Hey Google, riproduci musica di Natale” e le canzoncine tradizionali del periodo faranno da sfondo alle serate in compagnia. Inoltre, gli utenti Android potranno ricorrere al Google Assistant per sfogliare, usando la voce, le app dello shopping per fare i regali di Natale. E l’assistente virtuale aiuta anche ad evitare lunghe attese telefoniche quando si ha la necessità di modificare prenotazioni, piani di viaggio o restituire un regalo. In particolare, gli utenti “Pixel” possono fare ricorso a Hold For Me, con l’Assistente Google che resterà in attesa e informerà quando dall’altro capo del telefono c’è una persona disponibile a rispondere alla chiamata. 

L’Assistente Google consente di avviare una videochiamata di gruppo con “Duo”, in grado di supportare fino a 32 persone sul “Nest Hub Max”. Oppure permette di inviare un messaggio “collettivo”, un “buone vacanze!”, corredato da divertenti effetti speciali. Comunque, per far partire una chiamata di gruppo con Duo basterà solo dire: “Ok Google, fai una videochiamata”. L’Assistente virtuale di BigG può diventare anche una sorta di promemoria per i diversi impegni festivi che coinvolgono tutta la famiglia. Sarà sufficiente dire: “Ok Google, imposta un campanello per la famiglia”. E suoni di campanelli su device e dispositivi intelligenti ricorderanno che è giunto il momento di ritrovarsi con il resto della famiglia per gli appuntamenti concordati. Inoltre, dicendo semplicemente: “Ok Google, facciamo un gioco”, il Google Assistant accompagna le serate con proposte di giochi e passatempi divertenti per tutti. Infine, l’assistente virtuale di BigG si è specializzato anche nel racconto delle fiabe, narrate però in modo diverso e particolare, dal punto di vista dei diversi protagonisti. Al momento, è possibile ascoltare “Hansel e Gretel” (basterà dire Hey Google, parla con Twisted Hansel e Gretel), mentre presto saranno inseriti: “Il libro della giungla”, “Alice nel paese delle meraviglie” e “Sherlock Holmes”.