Huawei Nova 9, un telefono Android senza le app Google

Huawei Nova 9, un telefono Android senza le app Google

Nell’agosto di quest’anno Huawei aveva lanciato due nuovi modelli, P50 e P50 Pro, solo ed unicamente in Cina, senza prevedere un eventuale rilascio nelle restanti parti del mondo; ma William Yian, presidente di Western Europe Consumer Business di Huawei aveva dichiarato: “Nuovi smartphone in Europa entro l’anno” e la promessa è stata mantenuta. 

Stiamo parlando del nuovo smartphone Huawei Nova 9 che poteva essere perfetto, peccato però che non può contare sul sistema operativo Harmony OS ma è caratterizzato ancora dal sistema operativo Android 11 e, dunque, non è dotato nè delle app direttamente di Google nè di quelle che si avvalgono di Google Services per funzionare. Questa è una conseguenza di quanto accaduto tra il colosso cinese e l’ex presidente degli Stati Uniti d’America, Donald Trump, che ha portato alla creazione di una blacklist di dispositivi che non possono usufruire dei servizi Google. Però Huawei non si è fermata, anzi ha dimostrato di essere in grado di ricominciare da capo ed ottenere ottimi risultati; infatti, Pier Giorgio Furcas, Deputy General Manager Huawei Consumer Business Group, ha detto: “Solo in Italia contiamo 10 milioni di persone che utilizzano i nostri smartphone. Con Nova 9 miriamo a mantenere costante questo percorso che dimostra come la nostra innovazione risponda ai desideri e alle esigenze delle persone”.

Quali sono le caratteristiche del Nova 9?
Si tratta di uno smartphone dal prezzo relativamente contenuto (intorno ai 500 euro) caratterizzato da una serie di nuove tecnologie che riguardano, tra le altre cose, il comparto fotografico. La sezione fotografica sul retro del dispositivo è molto particolare, si compone di 4 fotocamere in totale ma il sensore principale è da 50 megapixel e sovrasta gli altri tre che sono nettamente più piccoli; in questo modo non viene occupato troppo spazio e si può contare su altre specialità software pensate appositamente per migliorare la qualità di video e foto. Come ha spiegato stesso Huawei, tra queste vediamo: il RYYB colour filter array (CFA) e l’XD Fusion Engine. L’integrazione hardware-software della fotocamera permette agli utenti di catturare immagini e video di qualità anche in situazioni di scarsa luminosità, così che ogni contenuto sia pronto per essere condiviso immediatamente sui social”. Per quanto riguarda la telecamera frontale anche questa è da 32 MP ad alta risoluzione e supporta anche l’acquisizione video 4K e la stabilizzazione video AIS; lo schermo è curvo da 6,57 pollici e con frequenza di aggiornamento a 120 Hz. Anche se non ci sono le app di Google, grazie al servizio di AppGallery è offerto un vasto catalogo alternativo altrettanto valido e stabile.