Google presenta la possibilità di avere in anteprima alcune nuove funzioni di Google Earth Engine

Google presenta la possibilità di avere in anteprima alcune nuove funzioni di Google Earth Engine

22/10/2021 0 By vanexa95

Google Earth Engine è uno strumento che unisce le funzionalità di Google Earth e le sue immagini satellitari con l’analisi dei big data. È destinato a scienziati, ricercatori governativi e a chi si occupa di business a tutti i livelli e vuole fare qualcosa per migliorare l’impatto ambientale delle proprie opere.

Negli ultimi dieci anni grazie all’osservazione dei cambiamenti climatici dovuti alle azioni dell’uomo tramite Google Earth Engine è stato possibile compiere progressi significativi nella ricerca sul clima e nella protezione delle risorse naturali. Ad esempio ha permesso di monitorare in tempo reale la diminuzione delle foreste o studiare la diffusione di una pandemia.

Dall’osservazione adesso si passa alla condivisione dei dati raccolti grazie a un implemento a uso commerciale disponibile in anteprima per alcuni clienti. La novità sta nell’integrazione con Google Cloud Platform, un nuovo tool per misurare e ridurre l’impatto climatico di un’azienda che permette per esempio la diminuzione dell’uso operativo dell’acqua o la creazione di catene di approvvigionamento meno dannose. Per sapere come l’utilizzo di Google Earth Engine possa aiutare a raggiungere gli obiettivi della tua organizzazione in modo sostenibile basta compilare il modulo al seguente link .

Grazie ai dati messi a disposizione da Google Earth Engine e a quelli condivisi dai suoi partner e dalle aziende interessate si può addestrare e migliorare gli strumenti di analisi già messi a disposizione dal più noto motore di ricerca.

Qualche esempio virtuoso è già all’opera: l’Unilever, società globale che possiede oltre cento marchi soprattutto nel campo alimentare (In Italia ricordiamo nomi come Algida, Nestlé, Equilibra). L’azienda si è prefissa l’obiettivo di non utilizzare la deforestazione nella catena di reperimento dell’olio di palma entro il 2023. Grazie alle informazioni di Google Earth Engine possono farlo con approvvigionamenti alternativi.

Anche alcune organizzazioni governative stanno iniziando a considerare l’utilizzo di questi sistema cloud ma la strada è ancora lunga e la volontà di agire per il bene del nostro futuro deve essere generale. 

TIMELAPSE GOOGLE EARTH ENGINE E APIs

L’integrazione con Google Cloud Platform è solo la più recente tra le innovazioni di Google Earth Engine. Da segnalare anche, soprattutto in ambito accademico, la funzione Timelapse. In sostanza, si tratta di un video globale con la possibilità di zoomare su qualsiasi punto e vedere come si è modificata la terra nell’arco degli ultimi 37 anni. Il video interattivo lo trovi qui.

Anche con questa prospettiva è possibile vedere con i propri occhi l’effetto dei cambiamenti climatici.

All’impegno ambientale di Google si accompagna quello culturale. È stato istituito l’Earth Engine User Summit, l’evento prevede una serie di concorsi artistici che utilizzano le immagini satellitari come opere d’arte. 

Per gli utenti più esperti Google mette a disposizione le APIs di Earth Engine in Python e JavaScript a questo link.