La NASA lancia un concorso per i giovani per la progettazione di robot lunari

La NASA lancia un concorso per i giovani per la progettazione di robot lunari

26/10/2021 0 By fogliotiziana

Le ambizioni dell’agenzia spaziale statunitense sono ben note… La NASA vuole tornare sulla luna già da molto tempo e ciò dovrebbe diventare realtà nei prossimi anni con il programma Artemis, la cui prima missione potrebbe iniziare il prossimo febbraio.

Ma man mano che questo ritorno sulla luna si fa sempre più preciso, alla NASA non mancano le idee per coinvolgere l’America, a cui deve i suoi finanziamenti. Così, in un’operazione di comunicazione scientifica, l’agenzia spaziale ha annunciato la creazione di un concorso per i più piccoli, dalla scuola elementare fino all’ultimo anno di superiori. Il “Lunabotics Junior Contest” con l’obiettivo di costruire un robot lunare, capace di scavare.

L’agenzia americana spiega, infatti, che il robot avrà una grande importanza nei prossimi anni, poiché gli umani cercheranno di stabilirsi definitivamente sul suolo lunare. Così facendo diventerà una vera base scientifica, ma anche di transito. Essendo i decolli dalla Luna molto meno restrittivi che dalla Terra, sarebbe più facile intraprendere viaggi nello spazio dal nostro satellite.

La NASA spera che questo possa concretizzarsi con la regolite, il suolo lunare insomma. Il robot deve quindi essere in grado di scavare il terreno, recuperare il materiale (al polo sud) prima di trasportarlo per una certa distanza direttamente alle costruzioni degli astronauti della missione Artemis. Questo passaggio è cruciale nello sviluppo di una possibile colonia sulla luna, poiché ridurrebbe drasticamente la quantità di materiali necessari durante un decollo.

Riguardo alle caratteristiche del robot, la NASA è stata molto precisa: oltre alle informazioni sulle dimensioni che dovrà avere, si richiede, a chi volesse gareggiare, di presentare i diversi elementi che serviranno al dispositivo per scavare il terreno e spostare la regolite lunare su distanze abbastanza lunghe. Gli studenti sono inoltre invitati a fornire una descrizione precisa del loro robot, compresa la quantità di roccia che sarebbe in grado di trasportare. Quindi o il robot dovrà essere massiccio ma lento, capace di trasportare molte rocce contemporaneamente, oppure piccolo e agile, in grado di andare avanti e indietro molto più velocemente.

La NASA chiede anche agli studenti di stare molto attenti a considerare la polvere lunare nei loro calcoli. La regolite, infatti, si attacca ovunque. Sarà quindi necessario che il robot non venga intaccato da questo materiale per non compromettere l’intera missione.