StarLink: internet senza confini, anche in aereo!

StarLink: internet senza confini, anche in aereo!

Il gioiellino di Elon Musk, la sua amata StarLink che punta a portare Internet ovunque, persino nello spazio, sta facendo grandi passi in avanti e finalmente ha iniziato i suoi primi test direttamente sugli aerei.

StarLink sta lavorando assieme a SpaceX, sempre di Musk, per far sì che tutte le persone possano essere in qualunque momento connesse ad Internet, persino nello spazio. L’obiettivo di questa collaborazione è quello di riuscire a sfruttare la tecnologia dei satelliti ed utilizzarli come punto di connessione lì dove il segnale non arriva. Come? Costruendo una mega-costellazione satellitare nell’orbita bassa della Terra che sia in grado di consentire a qualsiasi individuo di collegarsi ad Internet ovunque si trovi. 

Sono state confermate le trattative tra StarLink ed alcune compagnie aeree che hanno intenzione di implementare sui loro aerei il servizio di collegamento Internet satellitare; infatti, già è stata fatta richiesta alla Federal Communication Commission (Fcc) per poter far arrivare il segnale satellitare anche agli aerei, oltre che automobili, navi cargo e tir.

L’anno scorso la Fcc ha autorizzato, secondo La Repubblica, circa 12 mila satelliti del programma, il cui obiettivo finale è arrivare ad averne circa 30 mila. Al momento ci sono oltre 1800 satelliti StarLink autorizzati nella bassa orbita terrestre ma, per una copertura globale, ne serviranno almeno 4400; dunque, si è ancora lontani dall’obiettivo prefissato dall’azienda. Salvo imprevisti o rallentamenti, ogni due settimane SpaceX manda in orbita, più o meno, una sessantina di satelliti esclusivamente destinati a raggiungere l’obiettivo di questo progetto. Secondo alcune indiscrezioni, si vuole creare compatibilità con i velivoli del tipo B-737 Max ed A-320neo, che sono tra i più diffusi a livello globale. 

Al momento si è ancora in una fase di test ma, secondo quanto annunciato da Jonathan Hofeller, vicepresidente commerciale della società aerospaziale, il servizio potrebbe essere avviato “il prima possibile”, addirittura già nei primi mesi del 2022. Attualmente la qualità delle connessioni in volo è davvero molto bassa e StarLink è pronta ad offrire connessioni senza problemi e ad alta velocità; a tal proposito, Hofeller ha affermato: I passeggeri e i clienti vogliono una grande esperienza che i sistemi geostazionari semplicemente non possono fornire. Quindi spetterà alla singola compagnia aerea decidere se vuole dare soluzioni su questo punto o se preferisce un sistema che non è così reattivo alla domanda dei loro passeggeri”. Comunque, non si sa come stanno andando precisamente i test né quando tale tecnologia sarà realmente pronta e disponibile su vasta scala.