Tutti gli effetti collaterali dei Social Network

Tutti gli effetti collaterali dei Social Network

I Social Network nascondono effetti collaterali dannosi e pericolosi per la salute psico – fisica degli utenti. Lo studio, portato avanti congiuntamente dai ricercatori della University of Technology Sydney e della Macquarie University, ha rivelato che sarebbero ben 46, in grado oltretutto di alterare il benessere mentale, fisico e morale degli utenti. In particolare, tra gli effetti collaterali provocati dai Social Network ci sarebbero: irritazione, stati di ansia, senso di solitudine, calo o annullamento dell’autostima, rischio di molestie ed offese, overload di informazioni, continue violazione della privacy, episodi di stalking, spreco di tempo e soldi, calo di concentrazione, con conseguente decremento del proprio rendimento sul lavoro e nello studio. La ricerca portata avanti dai due atenei è stata poi pubblicata sulla rivista Journal of Global Information Management ed è nata in seguito all’analisi di cinquanta articoli, pubblicati fra il 2003, quando i social erano agli albori della loro nascita, e il 2018.

Una delle autrici dello studio, Layla Boroon, ha giustificato la scelta degli esperti nell’affrontare un simile argomento, affermando: “Gran parte delle ricerche sull’utilizzo dei social network si è concentrata sui loro benefici e il loro potenziale. Noi invece eravamo interessate a identificare in modo esauriente gli impatti negativi che sono stati associati all’impiego dei social media”. L’obiettivo della ricerca, dunque, è quello di incrementare il livello di consapevolezza sui rischi legati ad un uso incontrollato dei Social Network, con la volontà di “incoraggiare la moderazione negli utenti e da aiutare gli ingegneri informatici, gli educatori e i responsabili politici ad adottare strumenti per ridurre al minimo gli effetti negativi”. In più, gli studiosi che si sono occupati di indagare sugli effetti collaterali dei Social Network, hanno suddiviso le conseguenze nocive in sei categorie tematiche generali.

E, riprendendo proprio la presentazione della ricerca, i gruppi tematici individuati sono stati i seguenti: Il prezzo dello scambio sociale”, che fa riferimento ai pericoli di natura psichica e psicologica, quali:  depressione, ansia, gelosia, sperpero di tempo, spreco di energie e di soldi; Contenuti fastidiosi”, che possono scatenare disturbi, turbamento, irritazione, comportamenti violenti, osceni e pericolosi; “Problemi di privacy”, con il pericolo di veder minacciata la propria intimità, a causa della raccolta, del riutilizzo o della condivisione esterna ed inappropriata delle informazioni personali degli utenti; Minacce alla sicurezza”, in relazione ai rischi causati dagli attacchi informatici, che potrebbero comportare frodi e raggiri, come il phishing o l’ingegneria sociale; Cyberbullismo”, che fa riferimento ad “ogni forma di abuso o molestia a opera di gruppi o individui, come ad esempio messaggi offensivi, stalking, diffusione di menzogne e pettegolezzi”; Basso rendimento”, in relazione alle conseguenze che la persona potrebbe rilevare nelle sue performance a lavoro o a scuola.

Lo studio sugli effetti collaterali dei Social Network, tuttavia, non è un caso isolato. Infatti, qualche settimana fa proprio il Wall Street Journal aveva pubblicato i dati di una ricerca interna a Facebook, che dimostravano come Instagram avesse conseguenze negative sui teenager e sugli adolescenti.