A New York insegneranno ai bambini le criptomonete nelle scuole

A New York insegneranno ai bambini le criptomonete nelle scuole

Il mercato delle criptovalute sta facendo sentire sempre di più la sua importanza, non a caso l’Europa è diventata il primo continente al mondo per transazioni in criptovalute per un valore di oltre 680 milioni di euro. Ma le aspettative stanno crescendo anche fuori dall’Europa, infatti negli Stati Uniti si vuole integrare un programma educativo sulla tecnologia crypto e blockchain negli istituti scolastici. Più nello specifico stiamo parlando di New York, dove il sindaco entrante Eric Adams ha intenzione di rivoluzionare il sistema scolastico inserendo una nuova disciplina per insegnare ai più piccoli il funzionamento della tecnologia crittografica.

Durante un’intervista allo State of The Union della CNN, tenutasi il 7 novembre, Adams ha trattato il tema delle criptovalute definendole come una nuova modalità per pagare beni e servizi in tutto il mondo” sostenendo l’idea che bisogna “aprire le nostre scuole per insegnare la tecnologia, per insegnare questo nuovo modo di pensare” e preparare gli studenti alla tecnologia blockchain. Il nuovo sindaco ha intenzione di aumentare il grado di consapevolezza generale che investe i suoi giovani elettori che, al momento, appare estremamente basso. 

Essendo i Bitcoin, ma anche altre criptovalute, metodi di pagamento innovativi che rappresentano un “nuovo modo di pensare”, secondo il sindaco è importante che gli studenti capiscano il loro funzionamento dato che al momento vige molta ignoranza in materia; infatti, durante l’intervista Adams ha affermato: “Quando ho parlato di blockchain e Bitcoin, i giovani per strada si sono fermati e mi hanno chiesto di cosa stessi parlando”. Oltre all’inserimento di questo tipo di insegnamento nel programma scolastico, Adams ha anche accennato di star lavorando ad alcuni piani per incentivare le imprese di New York ad accettare pagamenti sotto forma di  Bitcoin ed altre tipologie di monete virtuali, aggiungendo che “lo farà con attenzione” e “nel modo corretto”. L’obiettivo più grande è quello di far restare “La Grande Mela” un centro di innovazione. 

Tra le diverse dichiarazioni del nuovo sindaco, che entrerà in carica all’inizio del 2022, vi è quella fatta riguardo all’incasso del suo compenso, ovvero che prenderà i primi tre mesi di stipendio esclusivamente in Bitcoin (BTC). A seguito di tali affermazioni non sono state in alcun modo passive le reazioni dei cittadini newyorkesi sui social, i quali si sono schierati in due gruppi: da una parte troviamo coloro che approvano la decisione di introdurre gli studi relativi alle crypto nei programmi scolastici, mentre dall’altra coloro che sono totalmente contrari. Comunque, il sindaco non ha ancora specificato se tale programma verrà destinato all’istruzione elementare, superiore o terziaria.