Apple acquisisce una startup in grado di generare colonne sonore dinamiche

Apple acquisisce una startup in grado di generare colonne sonore dinamiche

Apple ha acquisito la startup AI Music, grazie alla quale ampliare le attività dell’azienda, in relazione al servizio offerto dalla Apple Music. Come si evince dall’acronimo della sua denominazione, la start up AI Musica fa ricorso all’Intelligenza Artificiale, con lo scopo di realizzare “colonne sonore personalizzate e musica adattiva”, che si riveleranno delle eccellenti risorse in differenti contesti di vita quotidiana. Stando a quanto diffuso sul sito ufficiale di Bloomberg, AI Music ha lanciato e diffuso un ”Motore musicale infinito”, finalizzato alla gestione delle tracce audio. Grazie all’Intelligenza Artificiale, Ai Music ha la capacità di dare vita a  colonne sonore dinamiche, in grado di cambiare in relazione all’interazione che genera un utente o a una modifica che avviene nel suo corpo.

Inoltre, AI Music ha sottolineato come questa funzione aiuti gli inserzionisti a realizzare tracce audio musicali, in linea con i sentimenti, gli stati d’animo, i pensieri e le emozioni del momento, provati e percepiti dagli utenti, cambiando in relazione al contenuto di cui si fruisce. L’acquisizione di AI Music da parte di Apple, per la sua sede nel Regno Unito, si è concretizzate nelle ultime settimane. Prima di questa operazione, AI Music contava almeno 24 dipendenti. Di certo, un numero esiguo rispetto all’importante mole di lavoro da svolgere, seppur i ben informati parlino di “menti brillanti” presenti tra le risorse umane della start up.

Dal canto suo, in diversi modi, Apple può ricavare il massimo vantaggio dalle ricche risorse offerte da AI Music. Infatti, AI Music presenta non solo il servizio Apple Music, ma anche Apple Fitness+, che avrebbe la capacità di modificare le colonne sonore, in relazione ai cambiamenti registrati all’interno del corpo, proprio nel momento in cui si sta ascoltando quella canzone. Inoltre, con l’acquisizione di AI Music da parte del colosso di Cupertino, Apple potrebbe inserire anche altre versioni, più evolute ed avanzate, di AirPods, dotate di sensori capaci di percepire in quale ambiente si sta ascoltando la musica. Per di più, nel corso della sincronizzazione con l’iPhone, gli AirPods potrebbero modificare dinamicamente la musica che si ascolta e, allo stesso tempo, dispensare importanti consigli a riguardo.

Infine, gli AirPods sarebbero capaci anche di percepire e registrare il livello di umidità rilevato nelle orecchie a causa dell’eccessiva sudorazione durante un allenamento o nel corso di un lavoro leggero svolto open air. Questa è solo una delle tante situazioni in cui AI Music potrebbe svolgere il ruolo da protagonista nella vita quotidiana dell’utente, supportandolo nelle sue attività di ogni giorno. Infatti, il servizio della startup, acquistata da Apple e in grado di generare colonne sonore dinamiche, può avere un impatto positivo sul miglioramento delle esperienze di vita dell’utente, tale da giustificare le motivazioni per cui l’azienda di Cupertino ha proceduto con questa operazione.