Applicazioni per scaricare il Green Pass: ecco come fare

Applicazioni per scaricare il Green Pass: ecco come fare

Obbligatorio dal 6 agosto scorso per accedere ai locali e per poter fruire di alcune iniziative, dal 15 ottobre anche ai luoghi di lavoro, il Green Pass è l’argomento caldo di questi giorni. E, allo stesso tempo, è causa di divisioni e conflitti. Attualmente, è disponibile non solo in cartaceo, ma anche in digitale, come documento scaricabile sul cellulare. Intanto, per ottenere il Green pass è necessario soddisfare almeno una delle seguente condizioni: aver effettuato la vaccinazione contro il Sars – Cov2. In Italia, viene rilasciato sia dopo l’inoculazione della prima dose, sia a ciclo completato; avere un risultato negativo al test molecolare o antigenico rapido nelle ultime 48 ore; avere una guarigione certificata dal COVID da almeno sei mesi.

Per poter effettuare il download del Green Pass dal cellulare e conservarlo in digitale sarà necessario avere l’identità digitale (SPID o CIE) oppure l’AUTHCODE, il codice che l’utente si vede recapitare per messaggio e in seguito all’inoculazione delle dosi del vaccino. In alternativa, saranno necessari i codici: CUN, rilasciato in seguito ad un tampone molecolare; NRFE, che si ottiene dopo aver effettuato un tampone antigenico rapido; NUCG, ottenuto per certificare l’avvenuta guarigione dal COVID – 19.

Per scaricare il Certificato Verde, è possibile ricorrere a due applicazioni, Immuni oppure IO.

Immuni, app nata per il tracciamento del Covid-19, si può scaricare dal Google Play, qualora si disponga di un cellulare con sistema operativo Android, oppure da App store, se l’utente possiede un iPhone Apple. Scaricata l’app, per ottenere il Green pass sarà sufficiente premere sulla sezione EU digital COVID certificate, presente sulla schermata iniziale. Inserite le ultime otto cifre del codice identificativo della tessera sanitaria e uno dei quattro codici ricevuti via  sms o e-mail (AUTHCODE, CUN, NRFE o NUCG), sarà possibile ottenere il Green pass in formato PDF, corredata del QR Code.

IO, invece, è l’applicazione messa a disposizione dal Governo; più precisamente, permette agli utenti di accedere in modo immediato ai servizi della Pubblica Amministrazione e ottenere certificazioni, usando le tecnologie di identità digitale,SPID o CIE, da inserire la prima volta. Pertanto, non appena sarà disponibile, il cittadino potrà scaricare il Green Pass, senza dover digitare i codici né gli ultimi otto numeri della tessera sanitaria.

In alternativa, il download della Certificazione Verde è possibile dal sito dgc.gov.it, sempre usando le identità digitali a disposizioni o le ultime otto cifre del numero identificativo della tessera sanitaria. Effettuato questo accesso, l’utente verrà inviato ad un’altra pagina e qui, in formato PDF, sarà possibile scaricare e salvare in formato PDF l’intero certificato, corredato del QR Code. QR Code che, poi, è l’elemento essenziale da possedere, perché sarà il codice ad essere soggetto a controlli dai gestori dei locali o dei luoghi dove la Certificazione Verde è obbligatoria, attraverso l’app VerificaC19.