Come entrare a far parte di Squid Games

Come entrare a far parte di Squid Games

Da quando ha fatto il suo debutto il 17 settembre, non si sente parlare di altro se non di Squid Game. È davvero la serie tv del momento ed ha riscosso un successo talmente grande che il suo creatore e regista,  Hwang Dong-hyuk, non ha potuto far altro che annunciare l’arrivo di una seconda stagione su tutti gli schermi. Da quando si è dato il via alla trasmissione di Squid Game è successo di tutto, anche eventi negativi come alcuni tentativi di emulazione da parte dei più piccoli, truffe online camuffate da applicazioni non ufficiali che miravano a derubare gli utenti ed anche l’immissione sul mercato di una nuova criptovaluta che si è dimostrata essere l’ennesimo inganno. D’altro canto, però, ci sono state anche diverse iniziative intraprese per far contenti i numerosi fan e farli sentire parte di una comunità, vediamone alcune. 

La più divertente è stata proprio un’idea di Netflix, che si è impegnato per fare una replica della bambola robotica “assassina” presente nella serie tv e posizionarla in diverse città. La bambola dalle grandi dimensioni è stata messa al Trafford Center di Manchester, al Westfield di Londra ed alla Grand Central Station di Birmingham accompagnata dalle guardie con la tuta rossa. Tutte le persone di età superiore ai 16 anni si sono potute divertire interagendo con la famosa bambola vestita di giallo e arancione, alta 3 metri ed in grado di cantare, proprio come nella serie, ovviamente senza fare alcun cenno alla violenza. A tal proposito, Lorna Dunn, responsabile dell’esperienza, ha dichiarato alla rivista Campaign: Eravamo davvero consapevoli di trovarci in ambienti in cui ci sarebbero state famiglie o giovani. Quindi ci siamo assicurati che non ci fossero cenni alla violenza in tutte le intere attivazioni. Quindi, se avessi meno di 15 anni, non vedresti nulla che possa sembrare violento, lo sapresti solo se avessi visto lo spettacolo”. Infatti, sulla piattaforma di streaming video è imposto il divieto di visione ai minori di 15 anni a causa del costante ricorso alla violenza ed alle scene cruente in cui c’è molto sangue. 

Comunque, le iniziative non si fermano qui; infatti, Netflix il 23 ottobre ha aperto un pop-up a Los Angeles, all’interno del quale i fan hanno potuto interagire con alcuni giochi presenti nella serie tv in modo del tutto sicuro, senza alcun rischio di farsi male. Inoltre, non sono mancate le occasioni giuste per arricchire la galleria immagini del proprio smartphone grazie alla possibilità di scattare alcune foto con gli attori vestiti sia da guardie che da giocatori con la tuta verde. Anche Netflix France ha deciso di fornire un’esperienza di questo genere ai propri cittadini aprendo un pop-up nel cuore di Parigi solo per un unico fine settimana dove i visitatori hanno avuto l’opportunità di giocare ad alcuni dei giochi presenti nella serie ed acquistare “souvenir”.