Come fare una petizione online di successo

Come fare una petizione online di successo

Le petizioni sono uno strumento che i cittadini possono usare per dare voce ai loro problemi e tentare di risolvere le criticità legate a diversi settori e questioni di vita quotidiana. Tuttavia, l’organizzazione di una petizione richiede la raccolta delle firme da parte di tutti quei cittadini che sostengono e condividono lo stesso pensiero. Ma se non di dispone del giusto tempo né delle risorse economiche adeguate per procedere con la raccolta delle firme, è possibile organizzare una petizione online, attraverso il ricorso a servizi dedicati che lo permettono. La legge italiana consente di organizzare delle petizioni con raccolta firme; inoltre, se le sottoscrizioni raggiungono un numero pari a 50000 e 500000 e queste vengono validate dai dai giudici della Corte di Cassazione, diventa possibile avanzare un’iniziativa legislativa e vedere indetto un referendum abrogativo.

Al contrario, le firme raccolte petizioni online non hanno nessun valore legale, salvo fatto il caso in cui esse non vengano effettuate mediante la firma digitale che, in Italia, ha lo stesso valore della firma cartacea. Tuttavia, è importante sapere che, tranne alcuni siti di poche amministrazioni comunali, ancora non esistono sistemi informatici che consentono di avanzare petizioni online da sottoscrivere con la firma digitale. Ma, è pur vero che, seppur una petizione online non abbia valore legale, perché non accompagnata dalle firme digitali, potrebbe ugualmente attirare l’attenzione, proprio perché riporta un elevato numero di sottoscrizioni da parte di molte persone.

Per sapere come fare una petizione online di successo sarà necessario rivolgersi ad un servizio dedicato. Tra i più noti ed usati c’è sicuramente Change.org, una piattaforma completamente gratuita, che permette ad associazioni, cittadini e anche amministrazioni comunali di creare raccolte firme online e promuovere la questione. Per attivare una petizione online con Change.org sarà necessario collegarsi alla pagina principale del servizio, cliccare sul comando Accedi, in alto a destra, e scegliere l’opzione Iscriviti. Si aprirà, così, una nuova schermata, attraverso la quale sarà necessario effettuare la registrazione al servizio. Infatti, proprio all’interno della nuova pagina, sarà necessario premere sul comando Registrati con Google o Registrati con Facebook, ricorrendo al profilo Google o a quello Facebook.

C’è la possibilità di effettuare la registrazione anche per mail, inserendo nome, cognome, email e password nei campi dedicati, potendo anche procedere o meno alla registrazione alla newsletter di Change.org. In questo caso, sarà necessario spuntare o l’opzione Si, grazie! oppure No, grazie, concludendo la sottoscrizione, attraverso il pulsante Iscriviti. Infine, sarà opportuno consultare la tua casella di posta elettronica, ricercare l’email inviata da Change.org e cliccare sul pulsante Conferma la tua email, al fine di verificare l’identità e completare il profilo. Effettuati tutti questi passaggi, ora si è pronti per per procedere alla creazione di una petizione online di successo.

A tal proposito, sarà necessario premere sul pulsante Lancia una petizione, selezionare l’argomento, scegliendo tra le opzioni disponibili (Animali, Diritti umani, Salute, Ambiente, Questioni locali, Giustizia legale, Disabilità…) e cliccare su Continua. Si aprirà così una nuova pagina, in cui inserire il titolo della petizione (al massimo 90 caratteri), da mettere all’interno dello spazio che riporta la dicitura Che cosa vuoi realizzare?. Dopo aver premuto ancora sul pulsante pulsante Continua, sarà necessario specificare il destinatario della petizione online, all’interno del campo Destinatario della petizione e cliccare nuovamente sul pulsante Continua. Si accederà, così, ad una nuova pagina, in cui c’è il campo denominato Spiega il problema che vorresti risolvere. E qui sarà necessario spiegare qual è lo scopo della petizione online, le persone che si desidera coinvolgere, la questione da affrontare. Dopo aver cliccato ancora sul tasto Continua, bisogna scegliere la voce Carica foto e/o inserisci l’URL di un video nel campo dedicato, premendo Salva prima, poi visualizza anteprima e Pubblica, per creare la petizione online.

Per dare maggiore risalto alla petizione online, si potrebbero anche optare per una condivisione sui social più in vista, scegliendo tra Condividi su Facebook, Twitta ai tuoi follower, Collegati a Gmail e Copia l’indirizzo Web. Inoltre, c’è la possibilità di tenere sotto controllo, in ogni momento, lo stato di avanzamento della petizione, visualizzando quante sono le firme raccolte e pubblicando gli aggiornamenti, man mano che arrivano. Inoltre, con Change.org si potrà comunicare che la petizione online ha avuto successo, selezionando le opzioni Dichiara vittoria e Chiudi petizione, che si trovano in fondo alla pagina.

Oltre a Change.org, ci sono anche altri servizi per fare una petizione online di successo. Tra i più importanti, è possibile ricordare: Firmiamo.it, un sito italiano di petizioni online, nato nel 2007, fruibile per portare l’attenzione su una questione oppure per creare una petizione online. Per usare questo portale, sarà sufficiente aprire un account personale; Petizioni.com, che consente di creare petizioni online di successo sia di carattere locale, che internazionale. Il servizio è gratuito; openPetition, un altro servizio utile per creare petizioni online di successo, con più di 6 milioni di utenti all’attivo; BuonaCausa.org, un servizio che permette di creare una petizione online, ma anche di organizzare raccolte fondi online e campagne di crowdfunding. Anche questo servizio è gratuito e, nel caso vengano effettuate donazioni, non si realizza l’applicazione di commissioni.