Come ripristinare file, cartelle e documenti cancellati per sbaglio da Google Drive

Come ripristinare file, cartelle e documenti cancellati per sbaglio da Google Drive

Google Drive è un servizio web, che consente la memorizzazione e la sincronizzazione online dei file; si basa sulla tecnologia del “cloud computing” e su un programma open source. Questo servizio è stato sviluppato e lanciato da Google il 24 aprile 2012 ed include “il file hosting, il file sharing e la modifica collaborativa di documenti”. Qualora per sbaglio l’utente cancelli file, cartelle e documenti, l’amministratore del sistema Google Drive potrà ripristinare il materiale perso, purché non siano trascorsi 25 giorni dalla data dello svuotamento del cestino. Infatti, passato ormai questo lasso di tempo, BigG elimina definitivamente tutti i dati dal sistema. Dati che, poi, non potranno più essere ripristinati. Però, il numero di giorni necessari perché file, cartelle e documenti cancellati per sbaglio da Google Drive vengano recuperati dipenderanno dalla mole di dati che l’utente intende ripristinare.

Tuttavia, è importante sapere che è possibile mettere in pratica un unico programma di ripristino per volta per recuperare file, cartelle e documenti eliminati per sbaglio da Google Drive. Infatti, se si avviano più procedimenti di ripristino quando il primo è ancora in fase di svolgimento, uno si fermerà sicuramente. Inoltre, non è possibile effettuare il recupero dei seguenti elementi: file, documenti, contenuti e cartelle che Google ha soppresso, in modo definitivo, da oltre 25 giorni; file di Google My Maps, “Fusion Tables”; contenuti, file e documenti presenti nel cestino dell’utente; tutti i materiali dell’utente che ha raggiunto la quota massima di archiviazione nel Drive; file e cartelle individuali. Al contrario, è possibile ripristinare file, cartelle e documenti cancellati per sbaglio da Google Drive ed eliminati nel corso dell’arco temporale di date selezionato.  Ma prima di far partire l’operazione di ripristino è importante chiedere all’utente il momento in cui ha eliminato quei file, documenti o cartelle che vorrebbe recuperare, così’ da poter effettuare tutte le operazioni nel minor tempo possibile.

Per procedere con il ripristino di file, cartelle, documenti eliminati per sbaglio da Google Drive sarà necessario accedere alla “Console di amministrazione Google” da un account amministratore e, da qui, andare nella pagina Utenti, dove selezionare il soggetto interessato al ripristino dei dati di Drive. Infine, sarà sufficiente mettere il cursore sul nome dell’utente, fare click sulla voce Altro e, poi, su Ripristino dati. In seguito, sarà importante specificare l’arco temporale in cui sono compresi i materiali che si desidera ripristinare, per poi premere sulla Freccia che va verso il basso e, poi, su Drive. L’ultimo passo poi sarà quello di cliccare su Ripristina. A questo punto, sarà necessario controllare se nel Drive dell’utente il recupero ha avuto buon esito. Inoltre, è importante sottolineare che i dati vengono ripristinati nella stessa posizione in cui si trovavano prima dell’eliminazione. Tuttavia, l’utente dovrà condividere nuovamente le cartelle ed i file ripristinati perché anche altri possano accedervi.