Bitcoin Bitcoin 3.99% $44260.74
3.99%
36420.21 BTC $833082556416.00

Cosa piace alla Generazione Z e perché dovrebbe interessarti

Cosa piace alla Generazione Z e perché dovrebbe interessarti

06/09/2021 0 By fogliotiziana

Tra Millennials e Generazione Alpha, la Generazione Z è composta da persone nate tra il 1997 e il 2010. Si tratta quindi di adolescenti e giovani adulti. Questa generazione connessa ha sempre conosciuto Internet, ed è per questo motivo che GWI si è interessata a loro e all’utilizzo del web e dei social media. Lo studio si basa sulle risposte di 688.000 utenti Internet di età compresa tra 16 e 64 anni residenti in 46 paesi.

Per capire meglio come questi usi sono diversi per la Generazione Z, GWI ha posto le seguenti domande:

  • Cosa distingue davvero la Generazione Z?
  • La Gen Z è come tutti gli altri alla loro età?
  • Cosa pensano delle altre generazioni?
  • Le specificità della Generazione Z

In un mondo in cui il digitale è onnipresente, queste due generazioni non l’hanno affrontato allo stesso modo. Una l’ha gradualmente incorporato nelle sue abitudini, l’altra è nata con essa.

Secondo lo studio, possiamo distinguere 4 aree specifiche in cui la Gen Z differisce dalle generazioni precedenti: ansia, motivazione, impegno politico e modo di consumare i media visivi. GWI specifica tuttavia che queste differenze sono abbastanza normali, poiché le due generazioni si trovano in fasi diverse della vita (ad esempio il 56% dei millennial è sposato, contro il 6% della generazione Z).

Rispetto ai millennial, è meno probabile che si definiscano attenti alla salute o si fidino delle nuove tecnologie.

Mentre entrambe le generazioni sono relativamente a loro agio nel parlare di salute mentale, le persone anziane sono visibilmente più inclini all’ansia. La principale differenza tra Gen Y e Gen Z su questo punto è che i nativi della Gen Y hanno sperimentato un mondo senza Internet ed è più probabile che mettano in discussione il tempo davanti allo schermo. Al contrario, i nativi degli anni 2000 hanno scoperto Internet dalla loro infanzia e hanno difficoltà a immaginarsi nel mondo “boomer” sperimentato dai loro anziani.

Secondo la ricerca condotta per lo studio, la Gen Z è descritta come avventurosa, ambiziosa e guidata dal successo (e quindi indirettamente dal denaro). Vedono la tecnologia e i social media come un eccezionale trampolino di lancio per il successo, che consente loro di fondere l’imprenditorialità con la creazione di contenuti. I migliori esempi sono Charlie d’Amelio o Khaby Lame, due giovani designer che hanno raggiunto i 100 milioni di abbonati su TikTok senza alcuna notorietà preesistente. Al contrario, questo fenomeno è molto meno evidente tra le loro controparti della generazione Y, sebbene ce ne siano alcune, specialmente su YouTube.

Anche se è sempre stato presente tra i giovani in quasi tutti i periodi della storia, l’impegno politico è particolarmente forte per i membri della Generazione Z. In confronto, la politica è la terza area di interesse più popolare per i giovani di oggi, mentre non era tra i primi 6 10 anni fa. Lo stesso vale per le questioni ambientali, che sono ormai una delle principali preoccupazioni della Generazione Z.

Di gran lunga, la piattaforma preferita della Generazione Z è Instagram. Lo studio afferma che “la distanza tra Instagram e la loro seconda piattaforma preferita è maggiore rispetto a qualsiasi altra generazione”. Uno dei motivi principali della sua popolarità è l’ubiquità delle immagini sui social network. In effetti, l’arrivo di un nuovo modo di consumare notizie e intrattenimento (tramite immagini anziché testo) ha attratto molto la Generazione Z. Al contrario, i millennial, che prima conoscevano piattaforme più testuali come Facebook e Twitter, è più difficile migrare a ” nuovi” social network (TikTok, Snapchat e talvolta anche Instagram).

“L’altro aspetto dei media visivi che definisce la Generazione Z sono i meme. Queste immagini o video deviati per scopi umoristici sono ormai parte integrante del linguaggio utilizzato dalla Generazione Z.

Uno dei tratti distintivi dell’uso di Internet e dei social media da parte della Generazione Z è l’auto-potenziamento e la proprietà pubblica delle proprie idee online. “È molto più probabile che descrivano il loro orientamento sessuale come bisessuale, omosessuale o altro, il che indica che sono più a loro agio con esso”, afferma GWI. Lo studio afferma inoltre che il numero di americani appartenenti alla Generazione Z, che si definiscono con uno di questi termini, è il doppio di quello dei millennial.

I professionisti del marketing hanno capito che le generazioni non possono essere prese di mira allo stesso modo. L’appartenenza a una generazione è un criterio importante da considerare per i professionisti del marketing. “Essere connessi tramite i social media ha anche permesso alla Gen Z di forgiare un’identità di gruppo più forte rispetto alle generazioni precedenti”, afferma lo studio.

La sua ubiquità sui social media rende la Generazione Z un target perfetto per la pubblicità online, in particolare sui social media. Questa dinamica dovrebbe perdurare, poiché la generazione Alpha (a partire dal 2010) sembra essere ugualmente attratta dal mondo digitale.

Se vuoi leggere lo studio completo, puoi farlo qui.