Cose da non fare quando navighi su YouTube

Cose da non fare quando navighi su YouTube

Come esistono delle leggi e delle norme da seguire nella vita reale per vivere in armonia e non recare danni a cose e/o a persone, esistono altrettante norme anche per regolare la vita sulle piattaforme social. Regole che devono seguire sia i creator dei vari contenuti sia gli utenti che usufruiscono di tali contenuti. È importante, infatti, il contributo di tutti per proteggere le community del web e mantenerle uniche e vivaci. Sei ti sei incuriosito per essere sicuro ed evitare di avere comportamenti scorretti sui social, ecco le cose da non fare quando navighi su YouTube.

Comportamenti non consentiti su YouTube

Su YouTube, così come su ogni altra piattaforma social, non sono consentite minacce a singoli individui o atteggiamenti che prendano di mira una persona esponendola ad insulti prolungati o malevoli basati su caratteristiche intrinseche, caratteristiche fisiche o il fatto di aver subito violenza sessuale, violenza domestica, abusi su minori e altro. Per esempio, vengono rimossi i contenuti che incitano alla violenza e all’odio nei confronti di individui o gruppi sulla base delle seguenti caratteristiche:

  • Età
  • Casta
  • Disabilità
  • Etnia
  • Identità ed espressione di genere
  • Nazionalità
  • Razza
  • Condizione di immigrato
  • Religione
  • Sesso/genere
  • Orientamento sessuale
  • Condizione di vittima di un grave evento violenti e di famigliare di una vittima
  • Condizione di veterano

Contenuti non consentiti su YouTube

Di seguito un elenco di contenuti che non bisogna assolutamente pubblicare su YouTube, oltre a quelli contenenti incitamenti alla violenza e all’odio come detto prima.

  • Contenuti che divulgano informazioni private, come indirizzo di casa, indirizzo email, numero di telefono, e così via. Divieto che non si applica ovviamente alle informazioni di dominio pubblico.
  • Contenuti pubblicati dai vigilantes che immobilizzano o aggrediscono un individuo identificabile.
  • Contenuti che esprimono compiacimento o derisione per la morte o le ferite gravi di un soggetto identificabile.
  • Contenuti che mostrano i creator mentre simulano atti di estrema violenza contro altre persone, come esecuzioni, torture, mutilazioni, pestaggi, e altro.
  • Contenuti che includono atti sessuali non consensuali o riferimenti sessuali indesiderati.
  • Contenuti che mostrano o spiegano come distribuire immagini di atti sessuali non consensuali.

Ovviamente, queste norme riguardano non solo i video, ma anche le descrizioni dei video, i commenti, le live streaming e qualsiasi altra funzionalità o prodotto di YouTube.

Eccezioni

Sono consentiti:

  1. Dibattiti correlati a funzionari o leader di alto livello.
  2. Rappresentazioni con copione, quindi insulti espressi nel contesto di una rappresentazione artistica basato sulla recitazione di un copione fanno parte di queste eccezioni.
  3. Educazione o sensibilizzazione in materia di molestie, quindi sono consentiti in questo caso contenuti che includono molestie effettive o simulate a scopo documentaristico per sensibilizzare il pubblico.

Attenzione però, perché anche se queste sono delle eccezioni, YouTube ci tiene a precisare che queste non costituiscono in alcun modo un pretesto per molestare o insultare altre persone.

Leggi anche: