Bitcoin Bitcoin 3.33% $33693.07
3.33%
22267.62 BTC $632246435840.00

Meglio WhatsApp o Telegram? Pro e contro delle due chat per telefonini

Meglio WhatsApp o Telegram? Pro e contro delle due chat per telefonini

Meglio WhatsApp o Telegram? Le due app sono molto simili tra loro, e hanno sempre creato divergenze tra chi pensa che sia meglio l’una rispetto all’altra. Ma cerchiamo di capire insieme quali sono i pro e i contro delle due chat per telefonini.

WhatsApp e Telegram: due app molto simili

WhatsApp è il servizio di messaggistica istantanea più diffuso in tutto il mondo e che, da qualche anno, è diventata a far parte del gruppo di Facebook di Mark Zuckerberg.

C’è sempre stata, però, una certa rivalità con un’altra applicazione di messaggistica istantanea, ossia Telegram. Sviluppata in Russia, questa viene consigliata soprattutto da quegli utenti che rivendicano maggiore protezione della privacy.

Entrambe sono applicazioni totalmente gratuite e disponibili sia per i dispositivi iOS che Android, ma che sono presenti anche nelle versioni per PC rispettivamente con WhatsApp Web e Telegram Web.

Ma quindi cosa cambia? Perché una dovrebbe essere meglio dell’altra?

Pro e contro di WhatsApp e Telegram

1. Privacy

Telegram è stata una delle prime applicazioni di messaggistica ad implementare la crittografia end-to-end, anche se, a differenza di WhatsApp, non ce l’ha come impostazione predefinita. Per questo, in caso di qualche attacco hacker ai server, i dati degli utenti di Telegram e i contenuti scambiati potrebbero non essere al sicuro da occhi indiscreti.

Entrambe offrono la possibilità di creare delle chat segrete che si autodistruggono e che possono essere lette solo da chi le riceve.

Infine, mentre prima questa funzione era presente solo su Telegram, ora anche su WhatsApp c’è la possibilità di utilizzare l’impronta digitale o un passcode per proteggere le chat.

2. App multipiattaforma

Come abbiamo detto prima, sia WhatsApp che Telegram possono essere utilizzate dal web utilizzando un qualsiasi browser. A differenza dell’app di Facebook, però, gli sviluppatori russi hanno creato per Telegram degli applicativi da installare sul disco rigido in grado di funzionare anche al di fuori del browser.

Inoltre, Telegram web funziona anche senza che lo smartphone sia connesso alla rete, necessario invece per WhatsApp. Questo rende più semplice la sincronizzazione e la consultazione delle conversazioni.

3. Conferma di lettura e orario di ultimo accesso

Telegram, in questo caso, a differenza di WhatsApp, non mostra l’orario dell’ultimo accesso di un utente, ma dà solo una vaga indicazione come “di recente”.

Su WhatsApp, invece, anche se si tolgono le spunte blu di lettura, rimane la scritta “Online” o “ultimo accesso alle 15:45”, per fare un esempio.

4. Supergruppi, canali e bot

Un pro di Telegram rispetto a WhatsApp è che l’app blu russa consente di creare anche dei supergruppi con una capienza massima di 100 mila persone.

Ma non solo supergruppi, perché su Telegram è possibile trovare anche dei canali, ossia delle newsletter in tempo reale alle quali ci si può iscrivere, e dei bot, programmi ad intelligenza artificiale a tema che possono rispondere alle diverse esigenze degli utenti.

5. Ricezione messaggi

La struttura di Telegram è molto più snella rispetto a WhatsApp, e i suoi messaggi standard sono molto meno pesanti di quelli dell’app di Zuckerberg. E questo è molto importante, perché vuol dire che quando si ha un segnale debole, Telegram tenderà a comportarsi meglio, riuscendo ad inviare i messaggi anche nei luoghi più remoti, anche se fino ad un certo punto ovviamente.

6. Diffusione

Ma soprattutto, per capire quale tra WhatsApp e Telegram è meglio usare, ovviamente dovrete vedere quale tra le due è la più utilizzata nella vostra cerchia di amici. Perché se voi ne usate una, ma siete gli unici a farlo, questo risulterà completamente inutile, anche se ritenete che sia la migliore.