L’iPhone sarà obsoleto nel 2032, parola di Ming-Chi Kuo

L’iPhone sarà obsoleto nel 2032, parola di Ming-Chi Kuo

29/11/2021 0 By fogliotiziana

Ogni anno, Apple lancia modelli nuovi e migliorati del suo iconico iPhone, che è un punto di riferimento nel settore tecnologico. Tuttavia Ming-Chi Kuo, il principale esperto mondiale di prodotti Apple, ha già previsto la sua fine vita, addirittura indicando l’anno in cui il dispositivo diventerà “obsoleto”, cioè nel 2032.

Molto è stato detto sul Metaverso e su tutta la tecnologia che sarà associata ad esso. Dopotutto, in quello che è l’ (inevitabile) progresso tecnologico, ciò che i consumatori hanno oggi come punto di riferimento potrebbe non esserlo.

Quindi, mentre l’iPhone di Apple è uno dei benchmark più rivelatori del settore tecnologico, il principale esperto mondiale del marchio ha rivelato che presto diventerà un dispositivo obsoleto. In una nota agli investitori, Ming-Chi Kuo spiega che l’orizzonte temporale dell’iPhone è il 2032, ovvero 10 anni.

Inoltre, l’esperto ha rivelato che Apple dovrebbe sostituire l’iPhone con un nuovo gadget per computer per l’uso quotidiano.

Attualmente, ci sono oltre un miliardo di utenti iPhone attivi. Se l’obiettivo di Apple è sostituire iPhone con AR in 10 anni, ciò significa che Apple venderà almeno 1 miliardo di dispositivi AR in 10 anni.

La Realtà Aumentata (AR) è un ambiente tridimensionale generato da un computer con cui le persone possono interagire. Al momento, ad esempio, l’AR è noto in giochi come Pokemon Go. Ora, secondo lo specialista Apple, al posto dell’iPhone, ci sarà un dispositivo AR.

La maggior parte degli esperti ritiene che Apple sostituirà l’iPhone con occhiali che consentiranno all’utente di cambiare la realtà, oltre a percepirla in modo diverso. Per Ming-Chi Kuo, il successo del nuovo dispositivo di Apple dipende da quanto i consumatori saranno pronti a “sganciarsi” dal concetto di iPhone.

Se l’auricolare AR è posizionato solo come accessorio per Mac o iPhone, non sarà favorevole alla crescita del prodotto. Un visore AR autonomo significa che avrà il proprio ecosistema e fornirà l’esperienza utente più completa e flessibile.