Resi su Amazon: come funzionano

Resi su Amazon: come funzionano

19/11/2019 0 Di Redazione

Fare acquisti online è estremamente comodo e le descrizioni dei prodotti, unitamente alle foto, permettono di compiere scelte informate. Può tuttavia capitare di rendersi conto che l’oggetto non corrisponde alle aspettative oppure di ricevere un prodotto difettoso, danneggiato o diverso da quello richiesto. In questi casi, è possibile effettuare il reso del prodotto. Scopriamo come.

Innanzitutto, bisogna visitare la pagina “I miei ordini” del sito Amazon, accedendo con le proprie credenziali. Dopodiché, è sufficiente seguire i seguenti passaggi:

  • Selezionare l’articolo che si intende restituire
  • Selezionar una delle opzioni presenti nel menù delle motivazioni della richiesta e la quantità per articolo
  • Aggiungere eventuali informazioni tramite la sezione commenti
  • Selezionare l’opzione per il reso
  • Selezionare uno dei metodi di restituzione e cliccare su “conferma”
  • Cliccare su “stampa l’etichetta e istruzioni” (è possibile anche selezionare l’opzione “invia l’etichetta a un amico”, così che Amazon invii ad un’altra persona l’e-mail contenente il link all’etichetta
  • Seguire le istruzioni presenti sull’etichetta
  • Lo stato del reso o rimborso può essere consultato nella sezione “i miei ordini”, selezionando “visualizza stato resi/rimborsi”.

Entro quando è possibile effettuare un reso? Il limite stabilito è quello di 30 giorni dalla data di avvenuta consegna. Tuttavia, nel periodo natalizio, il colosso dell’e-commerce è solito modificare la propria policy sui resi, aumentando il numero di giorni a disposizione. Il sito ufficiale riporta infatti che “per gli articoli spediti nel periodo compreso tra l’1 novembre 2019 e il 31 dicembre 2019, inclusi, la richiesta di reso potrà essere effettuata fino alla mezzanotte del 31 gennaio 2020”.

L’estensione non si applica agli articoli per i quali il reso è escluso o limitato (come abbonamento di servizi online o cards/voucher per l’acquisto di giochi o contenuti.  Rispetto all’anno precedente, Amazon ha dunque concesso ulteriore flessibilità al cliente: fino all’anno scorso, l’azienda permetteva ai propri clienti di restituire entro il 31 gennaio dell’anno seguente tutti gli ordini spediti a partire dal 1 dicembre.