WhatsApp rivede i suoi termini di servizio in Europa

WhatsApp rivede i suoi termini di servizio in Europa

23/11/2021 0 By fogliotiziana

WhatsApp, dopo una multa record di 225 milioni di euro, è stato costretto a modificare i termini di servizio in Europa. Ciò è stato imposto a settembre dalla Commissione irlandese per la protezione dei dati (DPC). Il responsabile dell’Unione Europea ha ritenuto che le condizioni d’utilizzo (documento che disciplina il rapporto contrattuale fra il titolare del servizio fornito dal sito/app e l’utente) non fossero sufficientemente chiare.

Il testo dei nuovi termini di servizio per WhatsApp in Europa è molto più lungo di prima. La messaggistica fornisce maggiori dettagli agli utenti in merito alla raccolta e all’utilizzo dei dati. La società spiega inoltre in modo più dettagliato come protegge i dati condivisi oltre confine per il suo servizio globale e le basi legali per l’elaborazione dei dati.

WhatsApp è di proprietà di Facebook, ora ribattezzato Meta. Con l’aggiornamento, gli utenti in Europa vedranno una notifica in cima all’elenco delle conversazioni che li condurrà alle nuove informazioni.

A WhatsApp non è piaciuta la multa record di 225 milioni di euro. Il gruppo ha presentato ricorso. “Non siamo d’accordo con la decisione del regolatore irlandese e abbiamo presentato ricorso perché riteniamo di fornire già tutte le informazioni di cui i nostri utenti hanno bisogno“, ha affermato la società. “Non importa dove ti trovi nel mondo, proteggiamo i tuoi messaggi personali con la crittografia end-to-end, il che significa che nessuno, nemmeno WhatsApp, può leggerli o ascoltarli“, afferma.

Lo stesso non si può dire delle altre piattaforme del gruppo Meta come Messenger e Instagram, per le quali – come comunicato dall’azienda stessa, la crittografia end-to-end dei messaggi non dovrebbe avvenire automaticamente fino al 2023.