Come estrarre email da siti web

Come estrarre email da siti web

Negli ultimi tempi, si parla molto della questione della “lead generation”, il procedimento di “cattura dei dati” dal web, finalizzata al reperimento in rete di potenziali clienti o fornitori. La vita si è trasferita completamente nell’online e, di conseguenza, anche la ricerca dei clienti non potrebbe non passare per questo canale. Tuttavia, per poter svolgere questa operazione di “marketing” nel modo più adeguato possibile, sarà necessario disporre di strumenti professionali in grado di agevolare le ricerca dei potenziali clienti/fornitori e di comunicare con loro in modo quanto più efficace e lineare possibile. A tal proposito, sarà necessario ricorrere ad un software e sapere come estrarre mail da siti web, con il supporto dei motori di ricerca più noti, come Google e Bing, lavorando poi sui risultati messi a disposizione dagli stessi. Il programma prende il nome di “Google/Bing Email Extractor”. E, come si può evincere già dal nome del software, si tratta di un “email extractor”, che scansiona direttamente i risultati di Google Search e Bing Search.

Google/Bing Email Extractor presenta due differenti versioni, la 8 e la 5.6, entrambi attive, ma dotate di due differenti modalità per estrarre mail da siti web. Modalità che, tecnicamente, prende il nome di “scraping”. In particolare, GoogleBing Email Extractor 8 è un programma semplice da usare, ma in grado di lavorare in modo puntuale e preciso. Per estrarre email da siti web con GoogleBing Email Extractor, per prima cosa sarà necessario scaricare il software, per poi fare un doppio click sul file .exe, al fine di farne partire l’installazione. A questo punto, si aprirà una schermata e bisognerà premere sul comando “Add Category”, in cui inserire le parole chiave con cui attivare la ricerca. Allo stesso modo, sarà opportuno cliccare su “Add Location” per introdurre il luogo preferito.

Al termine di questi primi due passaggi, dopo l’inserimento della categoria e della località, è giunto il momento di procedere nell’estrarre email dai siti web. Pertanto, sarà necessario selezionare i check-box, per poi premere sul comando Get Data. Nella parte bassa dello schermo, sarà possibile osservare tutti i dati estratti in live. E, tra questi dati, saranno inclusi l’indirizzo email ed il numero di telefono. Alla fine del processo di cattura dei dati, premendo su “Export”, le email estratte saranno salvate in un file txt sul PC.

La versione 5.6 di Google/Bing Email Extractor, invece, è precedente alla 8, funziona, ma usa una differente metodologia di cattura delle mail dai siti web. Usando questa versione, per prima cosa, sarà necessario effettuare il download del software, che è compatibile con tutte le versioni Windows e necessita di uno spazio di almeno 4GB di RAM per poter funzionare adeguatamente. In particolare, la versione gratuita consente di estrarre i primi 35 risultati restituiti da una ricerca. Dopo l’installazione, sarà necessario effettuare un doppio click sull’immagine del programma; a questo punto, si visualizzeranno i due loghi di Google e Bing, con la possibilità di scegliere su quale dei due motori di ricerca attivare l’estrapolazione degli indirizzi mail.

L’apertura delle schermate dei relativi motori di ricerca comporta l’inserimento delle parole chiave, per poi attivare la relativa ricerca. A questo punto, sarà necessario attendere che si carichi la pagina di Google e Bing, per poi cliccare sul pulsante Cattura/Get Data. In questo modo, Email Extractor agirà automaticamente per estrarre email dai siti web, attingendo il titolo del sito, la descrizione, l’indirizzo email e la URL del sito web. Il procedimento di cattura dei dati si concluderà e, a questo punto, sarà sufficiente esportare il tutto, prima cliccando su Seleziona e, poi, su Esporta. A loro volta, i dati verranno esportati e salvati di default in un file CSV, ma potranno essere esportati anche in Excel e TXT.