Come migliorare le campagne Google Ads sulla rete di ricerca

Come migliorare le campagne Google Ads sulla rete di ricerca

Ormai una piattaforma straordinaria e utilizzata dalla maggior parte delle attività è sicuramente Google Ads. Infatti, per chiunque voglia vendere dei prodotti all’interno del mondo digitale è impossibile fare a meno di essa. Per potervi aderire, è necessario un pagamento, che dipende principalmente da quanto si vuole investire. Successivamente, è importante avere bene in mente qual è l’obiettivo della campagna. Infatti, solo dopo aver capito ciò, potrete decidere il tipo di campagna da portare avanti, poiché essa varia in base ad aspetti come la strategia del brand o il tempo che si vuole investire. Dopo avervi già mostrato come creare una campagna Google shopping con Google Ads, oggi elencheremo le differenze principali su tutte le altre tipologie di campagne presenti nella piattaforma:

  • Campagne sulla rete di ricerca;
  • Campagne display;
  • Campagne video;
  • Campagne per app;
  • Campagne locali;
  • Campagne intelligenti.

Le campagne sulla rete di ricerca sono degli annunci di testo presenti all’interno dei risultati di ricerca, che permettono di raggiungere tutti quegli utenti che cercano su Google i prodotti/servizi che l’attività offre. In questo modo, ci sarà un notevole aumento delle vendite e delle registrazioni online. Inoltre, la configurazione è molto semplice. Infatti, basta scrivere gli annunci di testo e scegliere le parole chiave per avere un targeting estremamente specifico. Per quanto riguarda, invece, le campagne display, stiamo parlando di quelle funzioni che consentono di raggiungere quella porzione di pubblico pertinente con degli annunci specifici, che compaiono sullo schermo del possibile cliente ogni volta che naviga su siti o applicazioni di proprietà di Google. In questo modo, si avrà una copertura più ampia e si potrà ampliare notorietà e considerazione. Ora passiamo alle campagne video, che permettono all’inserzionista di pubblicare annunci pubblicitari all’interno dei video su numerosi siti e, in particolare, sui video presenti su YouTube. Anche in questo caso, la copertura è espansa in modo efficiente, mirata ad aumentare l’awareness. Le campagne per app, invece, permettono di promuovere una propria applicazione. In questo modo, è più facile raggiungere un aumento delle installazioni e delle registrazioni dell’app sui dispositivi mobili di più utenti. Per quanto riguarda le campagne locali, è quella strategia molto utile per tutti coloro che possiedono un’attività fisica, come un negozio. In questo modo, è possibile promuovere i prodotti del proprio inventario, attirare clienti al negozio e promuovere offerte. Infine, abbiamo le campagne intelligenti, esempio lampante della straordinaria capacità dell’intelligenza artificiale di automatizzare una strategia di marketing. Basta inserire le informazioni relative all’attività e ai prodotti e Google svolgerà tutto nel migliore dei modi, dalla promozione alla ricerca del miglior target al quale profilare gli annunci. Per iniziare e introdursi all’interno del mondo delle campagne di Ads, è presente una guida di Google molto utile.