Bitcoin Bitcoin 0.97% $33957.72
0.97%
19780.87 BTC $637244014592.00

Domande frequenti e differenze tra Google Meet, Google Chat ed Hangouts

Domande frequenti e differenze tra Google Meet, Google Chat ed Hangouts

Google non la smette mai di stupirci e continua sfornare piattaforme ogni anno. Queste sono numerosissime e, spesso, presentano delle caratteristiche comuni che, a volte, ci creano dei dubbi su quale utilizzare o meno. Un esempio lampante è quello di Hangouts, il primo servizio di messaggistica proposto da Google, e le sue due evoluzioni: Google Meet e Google Chat. Per quanto riguarda questi ultimi due, del primo abbiamo già parlato di come generare il codice riunione per Google Meet, del secondo, invece, non ne abbiamo parlato abbastanza poiché è considerato un po’ una novità nel mondo degli utenti di Google. Come abbiamo detto, queste tre piattaforme presentano dei servizi molto simili, che rendono quindi difficile che un utente si trasferisca da una all’altra. Infatti, la possibilità di mandare messaggi e di fare videochiamate è una qualità che le accomuna. Ciò che le distingue, quindi, non sono le proprietà, quanto il contesto nel quale vengono utilizzate. Proprio per questo motivo, ora vi mostreremo come e in quali circostanze usufruiscono di solito di questi servizi i diversi utenti di Google.

Quando utilizzare Google Meet, Google Chat e Hangouts

Per quanto riguarda Hangouts, c’è da dire che, attualmente, è l’applicazione che si utilizza maggiormente per scopi personali attraverso il proprio account Gmail. Google Chat, invece, è una piattaforma tipicamente più professionale, della quale gli utenti si servono con i propri account per la scuola o per il lavoro. Tuttavia, può capitare che l’ente o l’azienda con la quale ci si occupa, utilizzi ancora Hangouts e non sia passata alla sua versione successiva. Proprio per questo motivo, è consigliato contattare chi ne fa le veci e chiedere quale piattaforma utilizzare. Infine, abbiamo Google Meet. Ultimamente, si è reso sempre più famoso per via del boom dello smart working e della didattica a distanza. è sicuramente il servizio migliore e più comodo per programmare, creare e gestire videoconferenze. Il suo utilizzo medio, inoltre, è sia a fini personali che scolastici/lavorativi. Insomma, è come se racchiudesse tutto ciò che manca nelle altre due versioni. L’unica pecca è quella di non avere un servizio di messaggistica vero e proprio, il quale è presente solo all’interno delle riunioni. Elencatovi i diversi modi in cui gli utenti usufruiscono di questi tre straordinari servizi targati Google, è importante ricordare dove trovarli. Per quanto riguarda gli smartphone, la risposta è molto semplice: sono presenti le app di tutte e tre le piattaforme negli store dei vostri cellulari. Dal computer, invece, troverete Hangouts in basso a sinistra una volta aperto Gmail, mentre per Google Meet e Google Chat vi basterà andare nei rispettivi siti, digitandoli dal vostro browser.