Full Self Driving disponibile in Europa entro l’estate, parola di Musk

Full Self Driving disponibile in Europa entro l’estate, parola di Musk

25/07/2022 0 By Redazione

Tesla, il produttore di veicoli elettrici del magnate Elon Musk, ha aperto a marzo il suo primo stabilimento europeo, il terzo dell’azienda, vicino a Berlino. Questo sito, che ospita un impianto di assemblaggio di veicoli e un impianto di sviluppo di batterie, serve principalmente il mercato europeo e consentirà a Tesla di aumentare significativamente i propri volumi di produzione. Musk stesso ha affermato che Tesla, che ha consegnato quasi un milione di veicoli nel 2021, dovrebbe consegnare almeno 1,5 milioni di auto nel 2022 nonostante le interruzioni della catena di approvvigionamento, la carenza di chip e l’aumento dei prezzi delle materie prime come il nichel.

Il Full Self-Driving di Tesla

Sicuramente i clienti europei del marchio hanno apprezzato l’interesse di Tesla anche se con un pizzico di insoddisfazione. Infatti mentre i clienti statunitensi e canadesi possono godere della comodità della versione avanzata del software di Full Self-Driving (FSD). Oltre a semplici manovre come cambio corsia, parcheggio auto, FSD Beta “guida attivamente la tua auto dalla rampa di ingresso a quella di uscita, suggerendo cambi di corsia, navigando negli svincoli, inserendo automaticamente l’indicatore di direzione e prendendo l’uscita corretta”, queste le dichiarazioni di Tesla.

Le dichiarazioni di Musk

In un tweet a fine marzo Elon Musk, in risposta ai proprietari di Tesla del Regno Unito, ha dichiarato che il nuovo sistema FSD dovrebbe essere disponibile in Europa entro la fine dell’estate per le auto con guida a sinistra e pochi mesi dopo per quelle con guida a destra, usate nei paesi anglosassoni. Naturalmente molto dipenderà, come ha precisato Musk, dall’adeguamento delle normative locali in materia di veicoli.

La normativa

Secondo la Convenzione di Vienna, per effetto delle modifiche in vigore dal 14 luglio, “il requisito secondo cui ogni veicolo o combinazione di veicoli in movimento deve avere un conducente è considerato soddisfatto quando il veicolo utilizza un sistema di guida automatica” purché sia conforme “regolamentazioni tecniche nazionali e a qualsiasi strumento giuridico internazionale applicabile” e alla eventuale “legislazione nazionale che disciplina il funzionamento”. Alcuni paesi si stanno adeguando altri sono ancora al palo.

Il programma Tesla FSD Beta

Non basta avere circa 12.000 euro per l’aggiornamento e un veicolo Tesla con hardware e software supportato per accedere al programma FSD Beta. Per essere ammessi al programma che consentirà a Tesla di raccogliere dati e informazioni per migliorare il progetto di guida autonoma, bisogna anche trovarsi in una regione supportata, avere già installato un pacchetto FSD e avere un punteggio di sicurezza, che dimostra che si è un guidatore attento, elevato.

Ti consiglio di leggere anche…

Nel 2030 il 60% delle auto sarà a guida assistita

Guida autonoma: i 5 livelli e a cosa corrispondono

Auto a guida autonoma, quando arriva in Italia?