Gli americani lanciano You, un nuovo motore di ricerca che predilige i social network

Gli americani lanciano You, un nuovo motore di ricerca che predilige i social network

Da qualche giorno, il nuovo motore di ricerca You è in rete e sta già spopolando in America. Motore di ricerca che, fin da subito, sta tentando di “rubare” clienti a Google, attualmente in grado di vantare una “market share” media a livello globale pari all’86,64%. Dal canto suo, You è completamente gratuito, riserva un’attenzione particolare alla privacy ed usa una metodologia di ricerca differente da quella di Google. Ma You è diverso anche dal punto di vista grafico. E, soprattutto, rappresenta un progetto ambizioso, che persegue obiettivi differenti da quelli messi a punto da Microsoft Bing o DuckDuckGo, diretti competitors di BigG. You è nato grazie all’iniziativa di Richard Socher e Bryan McCann. Si tratta di due personaggi non famosi, ma dotati di importanti capacità nel settore. Soprattutto McCann. Quest’ultimo, infatti, vanta un’importante specializzazione nei comparti dell’intelligenza artificiale e del deep learning. Proprio per questo motivo, lo stesso McCann è stato tra i creatori del “sistema Einstein di Salesforce, uno dei colossi americani dei servizi Cloud per le aziende.”

Anche nel suo funzionamento, You differisce da Google. Infatti, dopo l’introduzione delle parole chiave per attivare le query, You avvia la ricerca, ma i risultati verranno mostrati secondo una suddivisione in “blocchi con scorrimento orizzontale“, a mo’ di “swipe“. Nel primo blocco, l’utente potrà rintracciare i risultati attesi dal Web, del tutto simili a quelli restituiti da Google. Il secondo blocco offre i contenuti presenti su Reddit, a seconda delle parole chiave introdotte nella query. Il terzo blocco, invece, contiene i “Quick Facts“, la cui fonte principale è Wikipedia con le ricerche correlate. A seconda del tipo di ricerca portato avanti, poi, è l’utente potrà fruire dei blocchi “pescati” da YouTubeTikTokInstagram, Linkedin o altre piattaforme social. Se la ricerca includerà attività commerciali o luoghi pubblici, You mostrerà anche la mappa con la geo localizzazione del posto prescelto.

I diversi blocchi restituiscono contenuti differenti tra loro; l’utente potrà fruirne effettuando uno swipe verso destra o sinistra sul cellulare; dal computer, invece, cliccando sulle frecce presenti ai lati dello schermo. Al momento, non è possibile stimare la qualità dei risultati della ricerca, perché il motore di ricerca You è concentrato soprattutto sui contenuti in lingua inglese e sulle piattaforme americane. Tutti ormai usano Google ma, allo stesso tempo, gli utenti criticano aspramente il motore di ricerca, accusandolo del fatto che raccoglie troppe informazioni private sull’utente per poi inviare pubblicità studiata su misura sui suoi interessi, esigenze e bisogni. You, invece, assicura che non distribuisce pubblicità personalizzata, possiede una modalità di navigazione in incognito e afferma di non “vendere i dati dei suoi utenti agli investitori pubblicitari”. Anche se, attualmente, You non ha a disposizione ancora una pubblicità tutta sua. Al momento, infatti, non ha fonti di guadagno, è in perdita, ma i suoi fondatori assicurano che prossimamente sarà attivata una forma di monetizzazione. Guadagno che, però, non metterà in pericolo la privacy dei suoi utenti.