Google Maps ti suggerisce come fare il percorso migliore per inquinare di meno

Google Maps ti suggerisce come fare il percorso migliore per inquinare di meno

Google Maps sta lavorando a favore dell’ecosostenibilità perché, grazie alle nuove funzionalità, i viaggiatori possano risparmiare soldi e ridurre l’impatto sull’ambiente. Funzionalità che Google Maps ha presentato attraverso un comunicato stampa, all’interno del quale ha diffuso i tre nuovi metodi con cui il viaggiatore potrà spostarsi in modo più “ecologico”. “Vogliamo che questi aggiornamenti diano più scelte possibili. Mostrandoti i percorsi più sostenibili e quali opzioni di viaggio sono disponibili, Google Maps ti aiuterà a scegliere quella più adatta al tuo stile di vita”, spiega BigG nel comunicato per illustrare le nuove opzioni della sua app. Entrando nello specifico, si può notare che la prima novità tocca da vicino i movimenti in auto; ben presto, infatti, l’utente potrà optare per il tragitto più economico dal punto di vista della sostenibilità, perché richiede il minor dispendio di carburante. E, accanto a questa funzionalità, l’utente potrà trovarne altre due importanti opzioni: una navigazione in “modalità lite”, come supporto per i ciclisti, e una mappa che presenti la posizione esatta di tutte le biciclette, i monopattini elettrici e gli scooter a noleggio, così da favorire la condivisione dei mezzi.

Infatti, stando ai dati diffusi dall’Agenzia Internazionale dell’Energia, tutti i mezzi che percorrono le strade producono almeno il 75% delle emissioni di anidride carbonica, diventando uno dei maggiori responsabili delle emissioni di gas serra nel mondo. A partire da questi dati, il colosso di Mountain View ha preso in seria considerazione la volontà di limitare il problema, ricorrendo a concreti provvedimenti. Uno di questi è stato proprio quello di ridurre le emissioni di CO2, potendo scegliere il tragitto più sostenibile. Google ha affermato che, grazie a questa nuova funzionalità, diventerà possibile “far risparmiare oltre un milione di tonnellate di emissioni di carbonio all’anno – l’equivalente della rimozione di oltre 200.000 auto dalla strada – e farvi risparmiare denaro riducendo il consumo di carburante”. L’opzione è già attiva negli Stati Uniti, mentre in Europa bisognerà aspettare il 2022.

La seconda funzionalità di Google Maps riguarda le biciclette, veicoli ecologici il cui uso, negli ultimi anni, ha conosciuto un incremento a livello mondiale, toccando una percentuale pari al 98%. Visti i vantaggi che le bici hanno sull’ambiente e il grande utilizzo registrato negli ultimi tempi, BigG ha deciso di implementare in Maps anche un supporto per i ciclisti, con la modalità “lite navigation”, grazie alla quale, fanno sapere da Mountain View, “i ciclisti possono vedere rapidamente i dettagli importanti sul loro percorso senza dover tenere lo schermo acceso o inserire la navigazione turn-by-turn”. Pertanto, grazie a questa opzione offerta da Google Maps, “a colpo d’occhio, è possibile monitorare l’andamento del viaggio, vedere il tempo stimato di arrivo aggiornato in tempo reale, e anche conoscere l’altitudine del percorso in modo da poter mantenere la vostra attenzione dove deve essere – sulla strada”.

Infine, Google Maps ha progettato e realizzato un’opzione in grado di creare una mappa su cui poter visualizzare tutti i mezzi a noleggio rintracciabili nelle vicinanze. Al momento, questo servizio è attivo in più di 300 città, tra cui Berlino, New York, San Paolo. Grazie a questo comando, Google Maps indicherà all’utente la certezza di trovare un posto per parcheggiare, anche prima di recarsi in un particolare luogo. La mappa è stata realizzata grazie al supporto che alcune aziende di micro-mobilità, come Donkey Republic, Tier, o ancora Bird e Spin, hanno fornito a Google Maps.