L’Europa vuole imporre un caricabatterie universale per i dispositivi elettronici

L’Europa vuole imporre un caricabatterie universale per i dispositivi elettronici

24/09/2021 0 By fogliotiziana

La Commissione europea ha appena formalizzato il suo disegno di legge sull’implementazione di una soluzione di ricarica universale per dispositivi elettronici portatili. Questa normativa riguarda ovviamente smartphone, ma anche tablet, fotocamere, auricolari e console di gioco portatili. L’obiettivo? Lotta ai rifiuti elettronici e all’incompatibilità dei caricabatterie a seconda del dispositivo, un ostacolo senza dubbio fastidioso per i consumatori.

Ciò migliorerà la convenienza per i consumatori e ridurrà l’impatto ambientale associato alla produzione e allo smaltimento dei caricabatterie, sostenendo così le transizioni ecologiche e digitali, ha affermato la Commissione europea.

Tra le proposte associate a questo disegno di legge:

  • Rendere la porta USB Type-C universale per i dispositivi portatili interessati;
  • Armonizzare la tecnologia di ricarica rapida al fine di evitare abusi da parte dei produttori, che a volte limitano la velocità di ricarica senza un valido motivo;
  • Separare la vendita di dispositivi elettronici da quella di caricabatterie, per evitare una produzione eccessiva e ridurre così i rifiuti elettronici fino a 1.000 tonnellate all’anno;
  • Offrire informazioni più trasparenti sulle prestazioni di ricarica, per informare i consumatori sulle loro esigenze.

La Commissione Europea desidera proseguire gli sforzi intrapresi nell’ultimo decennio, durante il quale il numero di caricabatterie per smartphone era già sceso da 30 a 3 (USB Type-C, micro-USB e lightning).

Dal lato dei consumatori, il 38% di loro ha indicato di aver già riscontrato un problema con la compatibilità dei caricabatterie, rendendo impossibile la ricarica dei propri dispositivi. Per quanto riguarda l’ecologia, i caricabatterie inutilizzati rappresentano 11.000 tonnellate di rifiuti elettronici all’anno.

La proposta di un caricabatterie universale sarà quindi presentata al Parlamento europeo e al Consiglio. Dalla data di adozione della legge, le aziende avranno un periodo di transizione di 2 anni per adeguare i propri prodotti.

La maggior parte delle aziende sta già dotando gradualmente i propri dispositivi elettronici di caricabatterie USB-C. D’altra parte, Apple sarebbe la più colpita da questo nuovo disegno di legge. Infatti, mentre l’azienda ha dotato i suoi ultimi MacBook e iPad di una porta USB-C, questo non è il caso dell’iPhone, che ha sempre avuto un caricabatterie lightning.

In risposta, la società di Cupertino ha dichiarato all’AFP che la legislazione “soffocherebbe l’innovazione piuttosto che incoraggiarla e danneggerebbe i consumatori in Europa e nel mondo“. Questo regolamento tuttavia, non si applicherebbe ai caricabatterie wireless, che potrebbero quindi rimanere una fonte di innovazione.