Nuovi dettagli del chip Apple M1

Nuovi dettagli del chip Apple M1

Nello scorso novembre Apple ha annunciato il nuovo processore M1, il progettato per la prima volta unicamente per Mac. Ad oggi rappresenta il chip più potente che Apple abbia mai realizzato

Il chip M1 è stato perfezionato interamente per i sistemi Mac e si adatta perfettamente alle dimensioni molto contenute ed all’efficienza energetica di questi dispositivi. È un SoC (System On a Chip) che offre prestazioni nettamente superiori in confronto ai vecchi processori, racchiudendo in sé numerose tecnologie ed un’architettura di memoria unificata. 

Per la realizzazione del chip M1, primo processore per personal computer, è stata utilizzata per la prima volta la rivoluzionaria tecnologia di elaborazione a 5 nanometri. Esso è in grado di integrare 16 miliardi di transistor, il numero più alto che Apple sia mai stato in grado di racchiudere all’interno di un singolo chip.

Il chip M1 a basso consumo possiede il core CPU (Central Processing Unit) più potente al mondo ed è dotato di una grafica integrata scattante, mai vista prima in un personal computer, che è in grado di offrire prestazioni di apprendimento automatico all’avanguardia grazie al Neural Engine di Apple. Ogni performance core garantisce la massima efficienza possibile per prestazioni leader di settore. Si parla di core più scattanti al mondo che offrono la possibilità ai fotografi di modificare immagini ad alta risoluzione ad una velocità sorprendente mai vista prima e consentono agli sviluppatori di creare nuove app impiegando un tempo 3 volte inferiore rispetto a prima.

In sostanza, vediamo che il chip M1 offre prestazioni CPU fino a 3,5 volte più scattanti, prestazioni GPU (Graphics Processing Unit) fino a 6 volte superiori e un apprendimento automatico fino a 15 volte superiore. Anche la batteria gode di notevoli miglioramenti, infatti secondo le stime dura 2 volte più a lungo rispetto ai precedenti modelli Mac.

Ci sono voluti ben dieci anni di esperienza nella progettazione di chip all’avanguardia  nel settore iPhone, iPad e Apple Watch, per aprire una nuova era ai prodotti della gamma Mac, offrendo un notevole incremento di prestazioni ed efficienza grazie al nuovo chip M1, che ad oggi rappresenta il più grande passo avanti mai fatto per i personal computer di Apple.

Per i più esperti Maynard Handley, uno degli sviluppatori di Quick Time presso Apple, ha messo a disposizione un elaborato di 350 pagine, che troverete a questo link, in cui entra nello specifico dell’architettura del chip M1 adottando una prospettiva reverse engineering